VARIE

Utilizzo Dell’intelligenza Emotiva

May 18 2020
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

L’intelligenza emotiva, a volte indicata come EQ (“quoziente emotivo”), si riferisce alla capacità di una persona di riconoscere, comprendere, gestire e ragionare con le emozioni. È un’abilità fondamentale quando si tratta di comunicazione interpersonale e un argomento caldo non solo in psicologia ma nel mondo degli affari. Il termine stesso fu coniato dagli psicologi negli anni ’90, ma il suo uso si diffuse rapidamente in altre aree, tra cui affari, istruzione e cultura popolare.

Che cos’è l’intelligenza emotiva?
Gli psicologi Peter Salovey e John D. Mayer, due dei principali ricercatori sull’argomento, definiscono l’intelligenza emotiva come la capacità di riconoscere e comprendere le emozioni in se stessi e negli altri. Questa capacità implica anche l’utilizzo di questa comprensione emotiva per prendere decisioni, risolvere problemi e comunicare con gli altri.

Secondo Salovey e Mayer, ci sono quattro diversi livelli di intelligenza emotiva:

Emozioni percettive
Ragionare con le emozioni
Comprensione delle emozioni
Gestire le emozioni

In passato, le emozioni e l’intelligenza erano spesso viste in opposizione l’una all’altra. Negli ultimi decenni, tuttavia, i ricercatori che hanno esplorato la psicologia delle emozioni sono diventati sempre più interessati alla cognizione e all’affetto.

Questa area esplora come i processi cognitivi e le emozioni interagiscono e influenzano i modi in cui le persone pensano. Considera come emozioni e stati d’animo come felicità, rabbia, paura e tristezza influenzano il modo in cui le persone si comportano e prendono decisioni .

Perché l’EQ è importante per il successo
L’interesse per la psicologia emotiva e il concetto di intelligenza emotiva hanno davvero preso fuoco con la pubblicazione del libro di Daniel Goleman del 1995 “Intelligenza emotiva: perché può importare più del QI”. Nel popolare libro, Goleman sosteneva che l’intelligenza emotiva potrebbe essere altrettanto importante, se non addirittura di più, nel predire il successo nella vita. Queste competenze emotive, ha sostenuto, hanno anche svolto un ruolo particolarmente importante sul posto di lavoro.

Il concetto ha attirato rapidamente l’attenzione del pubblico, compresi i gestori delle risorse umane e gli imprenditori. I ricercatori hanno suggerito che l’intelligenza emotiva influenza il modo in cui i dipendenti interagiscono con i loro colleghi. Si ritiene inoltre che l’EQ svolga un ruolo nel modo in cui i lavoratori gestiscono lo stress e i conflitti, nonché le prestazioni complessive sul posto di lavoro.

Gli studi hanno dimostrato che i dipendenti con punteggi più alti nelle misure di EQ tendono anche a essere valutati più in alto in termini di funzionamento interpersonale, capacità di leadership e gestione dello stress.

Altri studi hanno collegato un’intelligenza emotiva più elevata con una migliore soddisfazione lavorativa e prestazioni lavorative complessive.

Goleman ha suggerito che mentre l’intelligenza tradizionale era una qualità associata al successo della leadership, da sola non era sufficiente. Le persone che hanno successo sul lavoro non sono solo intelligenti, ma hanno anche una grande quantità di intelligenza emotiva.

Ma l’intelligenza emotiva non è qualcosa solo per i CEO e i senior manager. È una qualità che è importante ad ogni livello della carriera di una persona, sia che tu sia uno studente universitario in cerca di uno stage o un dipendente esperto che assume un ruolo di leadership.

Se vuoi avere successo sul posto di lavoro e salire la scala della carriera, l’intelligenza emotiva è fondamentale per il tuo successo.

Perché l’EQ è importante sul posto di lavoro
Allora perché l’intelligenza emotiva è un’abilità lavorativa così apprezzata? Secondo un sondaggio condotto sui responsabili delle assunzioni, quasi il 75% degli intervistati ha suggerito di valutare l’ EQ di un dipendente più del proprio QI.

L’intelligenza emotiva è ampiamente riconosciuta come un’abilità preziosa che aiuta a migliorare la comunicazione, la gestione, la risoluzione dei problemi e le relazioni all’interno del posto di lavoro. È anche un’abilità che i ricercatori ritengono possa essere migliorata con la formazione e la pratica.

EQ elevato sul posto di lavoro
Prendere decisioni migliori e risolvere i problemi
Mantenere fresco sotto pressione
Risolvere i conflitti
Avere maggiore empatia
Ascoltare, riflettere e rispondere a critiche costruttive
EQ basso sul posto di lavoro
Interpretare il ruolo della vittima o non assumersi la responsabilità personale per gli errori
Avere stili di comunicazione passivi o aggressivi
Rifiutarsi di lavorare in gruppo
Essere eccessivamente critici nei confronti degli altri o non essere aperti alle opinioni degli altri

Come diventare più emotivamente intelligente
Mentre le abilità emotive possono arrivare naturalmente ad alcune persone, ci sono cose che chiunque può fare per aiutare a migliorare la propria capacità di comprendere e ragionare con le emozioni. Ciò può essere particolarmente utile sul luogo di lavoro, dove le relazioni e le decisioni aziendali spesso si basano sulla comprensione interpersonale, sul lavoro di squadra e sulla comunicazione.

Fattori come l’educazione e la personalità tendono a svolgere un ruolo importante nello sviluppo dell’intelligenza emotiva, ma è un’abilità che può essere migliorata con sforzo e pratica.

5 categorie di intelligenza emotiva
Autocoscienza
L’autoregolamentazione
Abilità sociali
Empatia
Motivazione

Diventa più consapevole di te stesso
Uno dei primi passi per utilizzare le capacità di intelligenza emotiva sul posto di lavoro è esercitarsi nel riconoscere le proprie emozioni. L’autocoscienza implica essere consapevoli dei diversi aspetti di te stesso, comprese le tue emozioni e sentimenti. È una delle componenti fondamentali dell’intelligenza emotiva .

Per riconoscere le tue emozioni e capire cosa sta causando questi sentimenti, devi prima essere consapevole di te stesso.

Presta attenzione a come ti senti
In che modo queste emozioni influenzano il modo in cui rispondi? Le cose che senti hanno un impatto sulle decisioni che prendi o su come interagisci con gli altri? Man mano che passi più tempo a riflettere su queste domande, potresti scoprire di diventare molto più consapevole delle tue emozioni e del ruolo che esse svolgono nella tua vita quotidiana.

Fai il punto delle forze e delle debolezze emotive
Quanto bene comunichi con gli altri? Ti capita spesso di provare impazienza, rabbia o fastidio? Quali sono alcuni modi in cui puoi affrontare questi sentimenti in modo efficace? Riconoscere i tuoi punti deboli ti consente di cercare modi per affrontare tali carenze.

Ricorda che le emozioni sono fugaci
Un collega potrebbe irritarti o il tuo capo potrebbe darti un compito frustrante da completare. Prima di reagire, ricorda che queste cose sono temporanee, quindi prendere decisioni avventate sulla base di intense emozioni può essere dannoso per i tuoi obiettivi e il tuo successo a lungo termine.

Pratica autoregolamentazione
Goleman ha identificato l’autoregolamentazione come una parte critica dell’intelligenza emotiva. Essere consapevoli delle tue emozioni è un primo passo importante, ma devi anche essere in grado di gestire le cose che provi.

Le persone che possiedono una buona autoregolazione sono in grado di adattarsi bene alle situazioni mutevoli. Non imbottigliano le cose, ma aspettano modi appropriati per esprimere le loro emozioni piuttosto che reagire impulsivamente al momento.

Pensano anche a come le loro espressioni emotive influenzano gli altri. Modi per iniziare a migliorare le tue abilità di autoregolazione sul posto di lavoro:

Trova le tecniche per liberare lo stress sul posto di lavoro. Avere hobby al di fuori del lavoro è un ottimo punto di partenza. L’esercizio fisico è anche un modo sano per liberare lo stress.
Mantieni la calma. Accetta il fatto che non puoi controllare tutto, ma cerca modi utili per rispondere che non aggiungano carburante al fuoco.
Pensa prima di prendere decisioni. Le emozioni possono sopraffarti nel calore del momento, ma puoi fare una scelta più calma e più razionale se ti concedi un po’ di tempo per considerare tutte le possibilità.

Migliora le tue abilità sociali
La ricerca sulla psicologia delle emozioni suggerisce anche che le persone con un EQ elevato hanno anche forti capacità sociali. Poiché sono abili nel riconoscere le emozioni degli altri, sono in grado di rispondere adeguatamente alla situazione. Le abilità sociali sono anche molto apprezzate sul posto di lavoro perché portano a una migliore comunicazione e cultura generale dell’azienda.

Dipendenti e dirigenti con grandi capacità sociali sono in grado di costruire rapporti con i colleghi e comunicare le loro idee in modo efficace. Le persone con buone capacità sociali non sono solo grandi giocatori di squadra, ma sono anche in grado di assumere ruoli di leadership quando necessario.

Ascolta ciò che gli altri hanno da dire
Questo non significa solo ascoltare passivamente le altre persone che parlano. L’ascolto attivo implica mostrare attenzione, porre domande e fornire feedback. Sia che tu abbia un ruolo dirigenziale o un membro del team, l’ascolto attivo può mostrare che sei appassionato di progetti di lavoro e disposto a lavorare con gli altri per aiutare il gruppo a raggiungere i suoi obiettivi.

Prestare attenzione alla comunicazione non verbale
I segnali che le persone inviano attraverso il loro linguaggio del corpo possono trasmettere molto su ciò che pensano veramente.

Affina le tue abilità di persuasione
Essere in grado di esercitare influenza sul posto di lavoro e convincere i membri del team e i supervisori ad ascoltare le tue idee può fare molto per avanzare nella tua carriera.

Evita l’ Office dramma
Fai del tuo meglio per evitare le piccole politiche che a volte prendono il posto di lavoro, ma fai attenzione che i conflitti non sono sempre evitabili. Concentrati sull’elencare ciò che gli altri hanno da dire e cerca modi per risolvere i problemi e ridurre al minimo le tensioni.

Diventa più empatico
Le persone emotivamente intelligenti sono brave a mettersi nei panni di un’altra persona e capire come si sentono. L’empatia è qualcosa di più del semplice riconoscimento di come si sentono gli altri, implica anche il modo in cui rispondi a queste emozioni.

Sul posto di lavoro, l’empatia ti consente di comprendere le diverse dinamiche tra colleghi e supervisori. Ti consente anche di riconoscere chi detiene il potere e come influenza i comportamenti, i sentimenti e le interazioni che scaturiscono da tali relazioni.

Vedi le cose dal punto di vista dell’altra persona
A volte può essere una sfida, soprattutto se senti che l’altra persona ha torto. Ma piuttosto che lasciare che i disaccordi si accumulino nei conflitti maggiori, passare il tempo a guardare la situazione dalla prospettiva di un altro. Può essere un ottimo primo passo verso la ricerca di una via di mezzo tra due punti di vista opposti.

Presta attenzione a come rispondi agli altri
Gli dai la possibilità di condividere le proprie idee? Riconosci il loro contributo, anche se non sei d’accordo? Far sapere agli altri che i loro sforzi hanno merito spesso aiuta tutti a sentirsi più disposti a scendere a compromessi.

Lavora sulla tua motivazione
Un altro componente chiave dell’intelligenza emotiva è qualcosa noto come motivazione intrinseca.

Le persone che hanno un forte EQ tendono ad essere più motivate a raggiungere obiettivi per se stessi. Invece di cercare ricompense esterne, vogliono fare le cose perché le trovano appaganti e sono appassionate di ciò che fanno.

Il denaro, lo status e il plauso sono grandiosi, ma le persone che hanno molto successo sul posto di lavoro sono generalmente motivate da qualcosa di più. Sono appassionati di ciò che fanno. Hanno un impegno per il loro lavoro, amano affrontare nuove sfide e il loro entusiasmo può sembrare contagioso. Non si arrendono di fronte agli ostacoli e sono in grado di ispirare gli altri a lavorare sodo e perseverare per raggiungere gli obiettivi.

Concentrati su ciò che ami del tuo lavoro
Non importa cosa provi per il tuo lavoro, probabilmente ci saranno cose che ami e cose che odi. Per costruire la tua motivazione intrinseca, prova a concentrarti sugli aspetti del tuo lavoro che ti piacciono davvero .

Forse ami la sensazione di realizzazione che ottieni quando completi un grande progetto. O forse ti piace aiutare i tuoi clienti a raggiungere i propri obiettivi. Qualunque cosa sia, identifica quei componenti del tuo lavoro e prendi ispirazione da essi.

Cerca di mantenere un atteggiamento positivo
Nota come le persone ottimiste sul posto di lavoro tendono a ispirare e motivare anche gli altri. Adottare questo tipo di atteggiamento può aiutarti a sentirti più positivo sul tuo lavoro.



Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere