EDITORIA

Vacanze romane a Venezia

April 8 2019
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Presentazione dell'ultimissimo libro di Ermanno Fugagnoli alla Galleria ItinerArte, per la rassegna "Aspettando la Biennale"

ASPETTANDO LA BIENNALE
Presentazione dell’ultimo libro di Ermanno Fugagnoli “Vacanze romane” con letture e video-proiezioni

Si svolgerà venerdì 12 aprile 2019, alle ore 19, il penultimo evento (fuori programma) della rassegna “Aspettando la Biennale”: presso la Galleria ItinerArte di Venezia, in Rio Terà de la Carità – Dorsoduro 1046, proprio accanto alle Gallerie dell’Accademia: ovvero la presentazione in anteprima assoluta del nuovissimo libro di Ermanno Fugagnoli intitolato “Vacanze romane”, edito da Supernova e in distribuzione da meno di una settimana.
L’introduzione sarà a cura di Franco Avicolli che dialogherà con l’autore e con lo psicologo Lucio Pagnin; letture di brani del libro a cura di Carlo Persi e Virgilio Patarini, con proiezioni di elaborazioni computer graphics di Marco Giommoni. Segue firmacopie e rinfresco.

Qui di seguito una breve presentazione del libro

Nel racconto del clima vacanziero e spensierato dell'estate romana, il riemergere di un passato nascosto che torna a vivere. Il controcanto di un vissuto intimo e sofferto che scioglie lentamente i propri nodi nel respiro antico e profondo della città eterna. Il racconto si bilancia nell'alternarsi di due registri narrativi contrapposti: quello leggero e divertito della romanità vacanziera e pittoresca, e quello scarno, dolorosamente intenso dell'intima confessione. Nel progressivo intrecciarsi e confondersi delle due voci, il rapimento nel fascino della metropoli millenaria e la ricostruzione di un vissuto di struggente umanità.
(“Vacanze romane” di Ermanno Fugagnoli, pagg 88, euro 10,00, Ed. Supernova, 2019)

Prima e dopo la presentazione-performance sarà possibile visitare le due mostre a parete: ovvero le personali “Trappole” di Bruno De Santi e “Codici segreti” di Virgilio Patarini (vedi qui di seguito). Si segnala inoltre l’indomani, sabato 13 aprile, sempre alle 19, il recital teatral-musicale dal titolo “Notturni”, che chiuderà idealmente la rassegna e che vedrà protagonisti al pianoforte il direttore d’orchestra e pianista Giovanni Battista Rigon e come voce narrante lo stesso Patarini, con testi di Saffo, Baudelaire, Novalis, D’Annunzio, Campana, Leopardi, e musiche di Bach, Chopin, Mozart, Beethoven, Debussy, Schubert, Poulenc.
Tutto a ingresso libero.

Qui di seguito una breve presentazione delle due mostre
In allegato la locandina dell’evento e la copertina del libro

Per ulteriori approfondimenti clicca qui:
https://www.zamenhofart.it/aspettando-la-biennale-venezia-2019/

Virgilio Patarini, Codici segreti
L'approccio con la tela è istintivo, l'ispirazione primordiale ma appena quest'ultima comincia il dialogo con la psiche prima e con l'intelletto poi, avviene la metamorfosi. L'idea iniziale subisce numerose trasformazioni, i materiali vengono plasmati affinché l'analisi interiore si possa sviluppare in fase di esecuzione e continuare a evolversi fino all'estasi-termine dell'opera.
Il continuo interrogarsi dell'artista sulle forme, sul concetto di finito/non finito è caratteristica funzionale a trasmettere il messaggio al fruitore che, sia neofita, sia appassionato, si troverà a dialogare con il suo lavoro.
La visione artistica di Patarini è assai ampia, il connubio tra figurazione e astrazione evidente; dalle stratificazioni di materiali grezzi -come il cemento- posati a delineare scenari astratti, si affacciano delicati elementi figurativi a rappresentare l'elemento umano/urbano che l'artista non può evitare di tenere in considerazione. Ed è proprio per il sodalizio tecnica materica - aspetto spirituale che le opere arrivano sempre a confluire nel binomio (dicotomico? Si chiede l'artista) vita e arte. In entrambe si manifesta forte il desiderio salvifico dell'uomo che nonostante le stratificazioni, i toni scuri e la mancanza di riferimenti, cerca un appiglio per la risalita.
Non è accomodante il lavoro di Patarini, tantomeno confortante ma, essendo ciascuna delle sue opere d'arte, intrisa della sua stessa energia di vita, la volontà umana del cambiamento, seppur velata, seppur sofferta, spinge per emergere e insinuarsi tra le morbide linee dei paesaggi, regalate infine, dal gesto generoso e accogliente dell'artista.
L'uomo è null'altro che la somma delle esperienze positive e negative che sceglie di incollarsi addosso e tramite le quali troppo spesso si trasforma in cantastorie. (…) Patarini si cala in questo ruolo, mai troppo serio, mai troppo divertito ma sempre attento alle sfumature del quotidiano. Un quotidiano però nascosto dietro a parole non dette, a esistenze sfiorate per caso, in uno scenario che per quanto claustrofobico, non sembra più così lontano e a cui ci accomuna infine, un sentire inconsueto e impalpabile.
Paola Caramel

Bruno De Santi, Trappole
Una decina di anni fa Bruno De Santi si è riallacciato ad una fase antica e primigenia della sua pluriennale ricerca pittorica, riprendendo con sfacciata non chalance un discorso lasciato in sospeso quarant’anni orsono. Come se Ulisse di ritorno ad Itaca dicesse a Penelope: “passata bene la giornata?” Segno che per un artista il trascorrere del tempo è un fatto del tutto opinabile, soggettivo, effimero.
Così, Bruno De Santi ha ripreso a costruire i suoi reticoli di linee, le sue campiture di colore à plat, tutte giocate su scarti e intervalli tonali: i dedali di stanze triangolari in cui scompone la superficie rettangolare o quadrata della tela esaltandone la bidimensionalità ed attribuendo all’azione pittorica compiti di spiccata, controllatissima razionalità. La stesura del colore è compatta, meticolosa, misurata, senza nulla concedere alla gestualità: simula la perfezione della macchina. Pur mediando da Mondrian l’approccio di assoluta astrazione, De Santi evita sistematicamente di allineare le sue composizioni sugli assi cartesiani, per privilegiare il gioco dinamico di diagonali, usando il triangolo (anziché il quadrato) come modulo compositivo, come unità di misura. Talvolta l’articolazione dei triangoli dà vita a strutture spiraliformi che ricordano labirinti, oppure rose, reticolati, piramidi sezionate, tagli di luce prodotti da un gioco incrociato di fari… ma non credo che ci sia mai nessuna vera intenzione di rappresentazione neppur vagamente icastica, realistica. Ciò che conta è l’equilibrio (o il disequilibrio) che deriva dal gioco sapiente di giustapposizioni o contrapposizioni di triangoli colorati, spesso dipinti tono su tono: il modo in cui tale gioco cattura l’attenzione, intrappola lo sguardo del fruitore. Poco importa se si tratta di un gioco apparentemente semplice, elementare, fatto di poco o di niente, solo linee e colore piatto… (Ma davvero è così semplice? O si tratta piuttosto di quella “difficilissima facilità” di cui parlava l’Ariosto, così ardua da conquistare?). Quello che conta è che il meccanismo scatti, affinché una parte dell’anima del fruitore possa rimanere impigliata in queste trappole di colore, in questi labirinti astratti, mentali, come sospesa fuori dal tempo, partecipe di una dimensione astrale, ideale, eterna, che sarebbe piaciuta a Platone. Amen.
Virgilio Patarini




Licenza di distribuzione:
Virgilio Patarini
Responsabile pubblicazioni - Zamnhof Art
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere