ARTE E CULTURA

Verismo Magico sul Naviglio Grande

October 14 2019
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Si inaugura il giorno 30 ottobre alla Vi.P. Gallery di Milano la personale di Luisa Ghezzi

Si inaugura mercoledì 30 ottobre 2019, alle ore 18,00 la sesta esposizione della neonata Vi.P. gallery Milano in Alzaia Naviglio Grande,4: la mostra è intitolata “Luisa Ghezzi, Verismo Magico”, a cura di Virgilio Patarini, e presenta una ventina di opere recenti dell’artista milanese: “una serie di interni, stanze vuote e luminose che si affacciano su scorci di cielo, oppure abitate da una sola presenza femminile silente e assorta. Ed è proprio il silenzio che regna sovrano in ogni quadro della Ghezzi. Il silenzio e il vento che muove le tende. Un silenzio assorto e carico di un senso sereno di attesa. E un vento che solleva le tende e al tempo stesso il velo della realtà, proiettando scene e scenari di ordinaria quotidianità in una dimensione vagamente metafisica e assoluta, fuori dal tempo e dentro l’Essere” (Virgilio Patarini)
La mostra sarà visitabile fino all’8 novembre, tutti i giorni dalle 15,30 alle 18,30, sabato e domenica dalle 11-13 e 14-19. Chiuso il lunedì.
Ingresso libero.

In allegato la locandina e foto di alcune opere in esposizione.
Qui di seguito un breve approfondimento biografico

Luisa Ghezzi, Verismo Magico

Luisa Ghezzi nasce a Milano nel dicembre del 1947, frequenta una scuola sperimentale applicata alla grafica e alla pubblicità (Caterina da Siena). Inizia a lavorare presso uno studio grafico e nel contempo frequenta un corso di scultura alla scuola del Castello a Milano. Ampliando le sue esperienze professionali riveste il ruolo di Art Director in aziende della grande distribuzione , in seguito collabora come free-lance nelle redazioni di alcune testate di moda e high-tec, infine riveste il ruolo di photo editor per due testate del gruppo Universo . Da sempre appassionata di pittura inizia a dipingere negli anni novanta. E’ autodidatta e le sue tecniche sono olio e colori acrilici. La sua ispirazione sono i pittori simbolisti, le atmosfere surreali e metafisiche e il mondo immaginifico dei sogni dove anche l’assurdo può diventare reale.
Tra le esposizioni recenti ricordiamo: nel 2015 le Rassegna d’Arte, a Madonna di Campiglio, all’Isola di Ponza e sul Naviglio Grande a Milano; Mostra Personale alla Galleria Spazio Libero 8, Naviglio Pavese, Milano; nel 2016 una collettiva al Palazzo Cittadini Stampa, Abbiategrasso; la collettiva itinerante “Koinè 2016” alla Galleria il Rivellino di Ferrara, allo Spazio E sul Naviglio Grande a Milano e alla Muef Art Gallery di Roma; sempre nel 2016 una Bi-personale alla Galleria Il Rivellino di Ferrara e la mostra “Selezione Premio il Segno 2016” alla Galleria Itinerarte di Venezia; nel 2017 la II biennale d’arte citta di Cesenatico, Premio Leonardo da Vinci 2017; la partecipazione al Premio internazionale Arte Milano 2017 al Teatro dal Verme, Milano; la partecipazione premio internazionale d’arte contemporanea Mediolanum Art Gallery 2017 a Padova; una collettiva presso l’Associazione Culturale la Fenice ad Arona; nel 2018 la Personale presso Gruppo culturale Artisti di via Bagutta, a Milano e una collettiva alla Fabbrica del Vapore, sempre a Milano. Nel 2019 espone nella mostra itinerante "Nomi, Cose, Città, Animali, Fiori..." a Venezia, galleria ItinerArte, a Roma, Muef Art Gallery e a Milano allo Spazio E. Sempre nel 2019 è finalista della nona edizione del Premio Il Segno, ed espone nella mostra dei finalisti alla Vi.P. Gallery di Valcamonica.



Licenza di distribuzione:
Virgilio Patarini
Responsabile pubblicazioni - Zamnhof Art
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere