VARIE

VINO, (Conferenza Valpolicella): settore deve essere pronto a cogliere vantaggio competitivo su mercati già vaccinati

March 1 2021
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Vinitaly già al lavoro

VINO, (CONFERENZA VALPOLICELLA): SETTORE DEVE ESSER PRONTO A COGLIERE VANTAGGIO COMPETITIVO SU MERCATI GIA’ VACCINATI. VINITALY GIA’ AL LAVORO

(Verona, 27 febbraio 2020). “Stiamo lavorando per un Vinitaly sicuro, fortemente contingentato e orientato alla ripresa della domanda interna oltre che quella europea”. Così Giovanni Mantovani, ceo di Veronafiere, intervenuto oggi alla Valpolicella annual conference organizzata dal Consorzio di tutela della principale Dop di vino rosso del Veneto. “Non solo, – ha continuato Mantovani - occorre farsi trovare pronti a intercettare gli operatori extra europei che a giugno saranno già in fase di ripartenza perché già vaccinati. Il vino italiano non può permettersi di perdere questo vantaggio competitivo”. Sul fronte del crollo di fatturato dell’industria fieristica italiana, il ceo di Veronafiere auspica che il nuovo governo attui in temi brevi i finanziamenti e i ristori a fondo perduto previsti dai diversi decreti e che si possa procedere al superamento del limite del de minimis come già fatto dalla Germania. “Se così non fosse – ha concluso Giovanni Mantovani - si verificherebbe una grave disparità con i competitor europei, che metterebbe al palo non solo la fiera di Verona ma l’intero settore”.

Consorzio per la Tutela dei Vini Valpolicella

Nato nel 1924 è una realtà associativa che comprende viticoltori, vinificatori e imbottigliatori della zona di produzione dei vini della Valpolicella, un territorio che include 19 comuni della provincia di Verona. La rappresentatività molto elevata (80% dei produttori che utilizzano la denominazione) consente al Consorzio di realizzare iniziative che valorizzano l’intero territorio: il vino e la sua terra d’origine, la sua storia, le tradizioni e le peculiarità che la rendono unica al mondo. Il Consorzio annovera importanti ruoli istituzionali: si occupa della promozione, valorizzazione, informazione dei vini e del territorio della Valpolicella, della tutela del marchio e della viticoltura nella zona di produzione dei vini Valpolicella, della vigilanza, salvaguardia e difesa della denominazione. L’area di produzione è molto ampia ed è riconducibile a tre zone distinte: la zona Classica, (Sant’Ambrogio di Valpolicella, San Pietro in Cariano, Fumane, Marano e Negrar); la zona Valpantena, comprendente l’omonima valle; la zona DOC Valpolicella, con Verona, Illasi, Tramigna e Mezzane. Tra le varietà autoctone principali che danno vita ai vini della denominazione ci sono: Corvina, Corvinone e Rondinella. I vini della denominazione sono il Valpolicella doc, il Valpolicella Ripasso doc, l’Amarone della Valpolicella e il Recioto della Valpolicella entrambi docg.

Ph credits: ansa.it

Licenza di distribuzione:
Mariella Belloni
Vicecaporedattore - Marketing Journal
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere