Utenti registrati: 38292 - Testi pubblicati: 240106
Comunicati-Stampa.net TV.Comunicati-Stampa.net
CAT: SALUTE e MEDICINA


Leggi tutte le news della categoria

Scheda autore comunicato stampa
   Informazioni sull'autore del testo:
Autore: Adelvino Bonelli
Azienda: dott.A.Bonelli
Web: http://www.ozonobonelli.com/


Scheda completa di questo autore
Altri testi di questo autore
RSS di questo utente Feed RSS utente

Registrazione nuovi utenti

Richiedi l'accredito stampa gratuito, ti darà diritto all'invio di illimitati comunicati stampa e news, che vedrai pubblicati quì e sul network di siti affiliati a comunicati-stampa.net.

Accedi al modulo di registrazione
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo?
Leggi come procedere




Comunicato Stampa
Creative Commons - Attribuzione-Non commerciale 2.5
L'ozonoterapia nella cura dell'ernia del disco e nelle protrusioni discali

Pubblicato il 12/11/12 | da Adelvino Bonelli


cura con ossigeno-ozono nell'ernia del disco e nella protrusione discale:cura naturale priva di effetti collaterali e controindicazioni

Il dolore alla schiena, cervicale, dorsale o lombare, conseguente alla patologia degenerativa della colonna vertebrale, è una delle cause più frequenti di astensione dal lavoro con un impatto notevole sulla spesa sanitaria nazionale. Circa l’80- 90% degli adulti presenta almeno un episodio di lombalgia (dolore alla parte bassa della schiena) durante la vita. La fascia d’età più colpita è tra i 30 è i 50 anni. Negli ultimi anni sono stati chiariti i meccanismi fisiopatologici alla base del dolore vertebrale. Con lavori scientifici in vivo ed in vitro sono state evidenziate le principali strutture anatomiche responsabili del dolore vertebrale. Inoltre la conoscenza della biomeccanica della colonna vertebrale ha permesso di chiarire i principali meccanismi alla base dello sviluppo di alterazioni statiche della stessa. Nell’immagine che segue possono essere evidenziate le principali strutture anatomiche della colonna vertebrale; contrassegnate dall’asterisco sono quelle formazioni anatomiche che presentato terminazioni sensitive e che sono implicate nell’insorgenza del dolore
L’ozonoterapia nel dolore di schiena
Il dolore vertebrale è in genere conseguenza di fenomeni degenerativi a carico delle vertebre e dei dischi intervertebrali. Tali fenomeni vanno dalla spondilosi all’artrosi ed all’ernia del disco. La colonna vertebrale può essere colpita da tali fenomeni in uno o più distretti (cervicale, dorsale, lombare). Il trattamento di questo tipo di patologia è nella maggior parte dei casi conservativo mentre in un numero limitato di pazienti è necessario ricorrere ad una soluzione chirurgica o endoscopica.



La terapia conservativa prevede numerose opzioni: terapia medica antinfiammatoria, infiltrazioni locali, manipolazioni della colonna vertebrale, fisiokinesiterapia.

L’ozono

I meccanismi d’azione dell’ozono (O3) sono diversi a seconda delle modalità con le quali viene utilizzato. Il principale utilizzo dell’ozono per il trattamento del dolore vertebrale consiste nell’introduzione dello stesso per via intramuscolare mediante una siringa nella zona del dolore. L’ozono medicale si utilizza per le sue proprietà antisettiche e per l’ossigenazione che provoca nei tessuti periferici; nel trattamento del dolore vertebrale alle sue azioni classiche sopra citate viene aggiunto il suo elevato potere antinfiammatorio decongestionante ed analgesico. L’azione dell’ozono è dovuta al suo potere ossidante che quando agisce sui doppi legami del carbonio negli acidi grassi insaturi provoca la formazione di perossidi. Nel trattamento del dolore vertebrale questo provoca 2 importanti azioni: miglioramento dell’ossigenazione e della circolazione locale; azione antinfiammatoria ed analgesica locale. Nel caso dell’introduzione dell’ozono sotto controllo radiografico o TC per il trattamento del conflitto radicolare (sciatalgia, dolore al braccio) il meccanismo d’azione proposto è diverso; si pensa infatti che l’azione dell’ozono in questi casi sia determinata dal suo potere ossidante; infatti una volta introdotto nel disco intervertebrale permette la liberazione d’acqua dai mucopolisaccaridi presenti nello stesso; la riduzione della concentrazione d’acqua determina quindi una diminuzione della pressione intradiscale ed una conseguente riduzione della compressione del disco sulla radice nervosa.

Il trattamento intramuscolare

Il paziente viene posto su di un lettino in posizione prona. Attraverso la palpazione ed avendo presenti i riferimenti anatomici si identifica il punto in va introdotto l'ozono. Con un ago sottile si procede alla infiltrazione locale intramuscolare con la quantità prestabilita di gas. La concentrazione dell'ozono nel gas introdotto deve essere rilevata dal fotometro presente sull'apparecchio (solo apparecchi di ultima generazione). Dopo il trattamento è consigliabile lasciare il paziente sul lettino per 5-10 minuti. Il trattamento intramuscolare comprende 6-10 applicazioni.

Il trattamento radiograficamente guidato

Il paziente viene posto su di un lettino radiotrasparente il posizione prona. Viene introdotto un ago sottile nella zona di trattamento e con l'ausilio del controllo radiografico si raggiunge la zona in cui si intende procedere all'infiltrazione (disco intervertebrale, capsula articolare ecc.). Si introduce il gas nella quantità ed alla concentrazione richiesta. Dopo il trattamento è consigliabile lasciare il paziente sul lettino per 10-15 minuti. Il trattamento guidato radiograficamente varia da 1 a 3 applicazioni. In alcuni centri tale tipo di trattamento viene praticato con l'ausilio di un apparecchio di Tomografia Computerizzata (TC).
In caso di ernie discali espulse il trattamento TC guidato e francamente sconsigliato potendo determinare una riduzione del contenuto idrico del frammento espulso ma anche una fibrosi aderenziale tra il frammento stesso, il sacco durale e la radice nervosa.




Link: lombosciatalgia

Autore della pubblicazione:
Adelvino Bonelli
MEDICO
dott.A.Bonelli
Vai alla versione stampabile di questa news - Versione in PDF Crea PDF di questa news
Info su chi ha pubblicato questo testo
Leggi altri testi dello stesso autore
Leggi altre news che trattano lo stesso argomento (SALUTE e MEDICINA)
» Clicca per leggere le ultime notizie pubblicate

ID: 184672

Clicca qui


RSS Comunicati-Stampa.net, clicca per accedere alla pagina   Copyright © PuntoWeb.Net S.a.s.              Privacy | Regole servizio | Chi siamo | Pubblicità | Per la Stampa | Partners
 
PuntoWeb.Net Sas