GASTRONOMIA
Articolo

Pizze italiane classiche: lista e descrizioni

06/04/22

Lista pizze italiane tradizionali e classiche.

https://it.freepik.com/Nonostante la pizza napoletana sia il nostro orgoglio nazionale, in Italia esistono tante tipologie di pizza, una ricchezza tale da soddisfare le esigenze di tutti i palati con le pizze più famose della nostra tradizione. Tutta la creatività italiana si esprime in questo prodotto di eccellenza della nostra cucina e in questo articolo tracceremo una mappa quanto più esaustiva possibile dei diversi tipi di pizza che possiamo trovare sul nostro territorio nazionale, per capirne le caratteristiche e le differenze.

Pizza alla pala
Tipicamente condivisa tra i gruppi e consumata al taglio, l’invenzione romana nota come pizza alla pala è una lunga focaccia di forma ovale realizzata con un impasto ad alta idratazione e a lunga lievitazione. Viene cotto in forni elettrici, trasferito su un tagliere di legno chiamato pala , quindi condito con vari ingredienti freschi.

La pizza è caratterizzata da una crosta spessa e un interno tenero e soffice, mentre i condimenti possono essere qualsiasi cosa, dal prosciutto e pomodorini a vari formaggi, olive e salame piccante.

Pizza ortolana
Il nome di questa classica pizza italiana si traduce in pizza del fruttivendolo. Consiste in un impasto base per pizza che viene spalmato con salsa di pomodoro, condito con mozzarella e fette di melanzane e zucchine grigliate, quindi al forno. Infine, la pizza ortolana viene tipicamente condita con olio d’oliva e condita con basilico fresco.

Pizza rustica
La pizza rustica o pizzagaina è una grande pizza italiana costituita da una crosta simile a una pasta frolla che va sia sopra che sotto, e tra la crosta contiene ingredienti come salame, prosciutto, prosciutto, uova e formaggi italiani come mozzarella, ricotta, Pecorino Romano and Parmigiano Reggiano .

È difficile classificare la pizza rustica in quanto è allo stesso tempo in parte pasticceria, in parte quiche, in parte torta e in parte pizza. Il piatto è tradizionalmente preparato per Pasqua e viene solitamente servito a temperatura ambiente come antipasto.

Pizza pesto genovese
La pizza al pesto genovese è una varietà di pizza italiana tradizionalmente condita con pezzi di mozzarella di bufala e il famoso pesto genovese. La pizza viene tipicamente rifinita con un filo d’olio d’oliva prima di servire.

Pizza e fichi
La pizza e fichi è una varietà di pizza bianca, solitamente condita con mozzarella, aglio, sale, olio d’oliva e, a volte, foglie di rosmarino. Questa versione romana della pizza bianca, chiamata pizza e fichi, è essenzialmente la stessa, a parte il fatto che è condita anche con pezzi di fichi succulenti tritati.

I fichi migliori sono disponibili a settembre, o talvolta a fine agosto, rendendo la pizza e fichi una varietà di pizza altamente stagionale.

Pizza fiori di zucca
Questa è una varietà di pizza italiana tradizionalmente condita con mozzarella, fiori di zucca, olio d’oliva e acciughe salate. Se si utilizza il metodo non tradizionale, si consiglia di aggiungere un po’ di pepe nero e aglio per un sapore extra.

Pizza ripiena
Ha una crosta più solida e liscia rispetto alla pizza profonda. L’impasto è anche un po’ più secco e dolce.

La pizza viene condita con una generosa quantità di formaggio e vari altri ingredienti come verdure e salsicce sbriciolate. La prossima cosa che va in cima è un altro strato sottile di pasta (da cui il nome pizza ripiena), di solito con delle fessure praticate in modo che lasci fuoriuscire l’umidità durante la cottura.

Pizza pugliese
Come suggerisce il nome, questa classica varietà di pizza italiana prende il nome dalla regione Puglia. Nella sua forma più semplice, l’impasto base della pizza è condito con salsa di pomodoro, mozzarella e anelli di cipolla rossa. Le varianti tipiche includono la sostituzione della mozzarella con il provolone o il pecorino e l’aggiunta di altri ingredienti come acciughe, origano, capperi o olive.

Pizza vegetariana
Come suggerisce il nome, questa varietà di pizza italiana è creata per soddisfare il palato vegetariano. La pizza vegetariana consiste in un impasto base per pizza spalmato di salsa di pomodoro e condito con mozzarella e una combinazione di verdure fresche di stagione, tipicamente zucchine, melanzane e peperoni, quasi sempre precotte.

Altri condimenti tipici includono peperoni, cuori di carciofo, spinaci, carote, cipolle, funghi, capperi, sedano, olive e origano. La pizza viene solitamente terminata con un filo d’olio d’oliva e alcune foglie di basilico fresco sopra. La pizza vegetariana può facilmente diventare un piatto vegano omettendo la mozzarella.

Pizza al padellino
La pizza al padellino è una varietà di pizza italiana che viene cotta e servita in piccole padelle rotonde. L’impasto lievita più del solito durante la cottura in teglia, rendendo la pizza più morbida, anche se la crosta si frigge leggermente a causa dell’olio nella padella. La pizza al padellino è più piccola della classica pizza napoletana , ma è anche molto più spessa e croccante.

Proprio come la maggior parte delle pizze, anche questa varietà può essere condita con qualsiasi cosa, da prosciutto e formaggio a peperoni e prosciutto.

Pizza alla carbonara
Questa varietà di pizza è una variazione del famoso piatto di pasta italiano noto come pasta alla carbonara . La pizza carbonara consiste in un impasto base per pizza ricoperto di salsa di pomodoro e condito con fette di pancetta salata, uova e formaggio. Mozzarella e Grana Padano sono le scelte di formaggio tradizionali per questa varietà di pizza, anche se sono comunemente usati anche il provolone o il pecorino romano.

La pizza viene solitamente condita con olio d’oliva e cosparsa di basilico o prezzemolo e pepe nero, altro tratto essenziale della pasta alla carbonara. Le uova sono tipicamente crude e cotte direttamente sulla pizza, il che richiede un tempismo abile, ma alcune versioni prevedono uova sode e affettate, che vengono poi disposte sopra la pizza.

Pizza grigliata
Questa varietà di pizza viene preparata mettendo l’impasto steso sulle griglie sopra i carboni ardenti, cuocendolo da un lato, girando l’impasto e farcindolo al contrario: prima il formaggio, poi la salsa. Viene quindi rimesso sulle grate per far cuocere l’altro lato e far sciogliere il formaggio.

Il risultato è una pizza croccante, ariosa, ben cotta e dal sapore affumicato. La pizza alla griglia può essere condita praticamente con qualsiasi ingrediente in base alle preferenze personali.

Pizza Romana
La cosa principale della pizza Romana è la sua crosta: sottile, estremamente croccante, quasi simile a un cracker, motivo per cui è conosciuta anche con il nome di scrocchiarella, che significa quella croccante. Ci sono alcune cose che rendono questa pizza così leggera e croccante: olio d’oliva – aggiunto all’impasto base – e meno acqua nell’impasto – l’idratazione massima dell’impasto arriva fino al 55%.

A causa della consistenza più dura, questa pasta deve essere stesa con il mattarello, a differenza della varietà napoletana più morbida che viene modellata a mano con movimenti quasi acrobatici mentre viene lanciata in aria. Una volta modellato, l’impasto viene ricoperto da uno strato sparso di salsa di pomodoro e condimenti scelti: possono variare, ma la combinazione più tradizionale prevede mozzarella, acciughe, capperi, basilico tritato e pecorino.

La pizza alla teglia ha una forma piccola e rettangolare ed è, come si deduce dal nome, cotta in teglie .Si tratta di una pizza ad alto livello di idratazione e proprio per questo è molto digeribile. La lievitazione può raggiungere le 72 ore.

Pizza quattro stagioni
Un’altra varietà popolare di pizza italiana, quattro stagioni (letteralmente quattro stagioni) è fondamentalmente fatta con gli stessi ingredienti della cosiddetta pizza capricciosa , tranne per il fatto che ha condimenti disposti in quattro sezioni, ognuna delle quali rappresenta una stagione diversa.

Come per la capricciosa, gli ingredienti includono una combinazione sempre diversa di pomodori, mozzarella, funghi, carciofi, prosciutto e olive. A volte, queste “stagioni” sono divise da sottili strisce di pasta per pizza.

Pizza frutti di mare
La pizza ai frutti di mare è una varietà di pizza italiana condita con frutti di mare come scampi, calamari e cozze. Tradizionalmente, la pizza viene servita senza formaggio, poiché i frutti di mare vengono invece posti sopra l’impasto e la salsa di pomodoro. La pizza ai frutti di mare è popolare in tutta Italia e nei paesi mediterranei come la Croazia.

Si consiglia di condire con un filo d’olio d’oliva e accompagnare con un bicchiere di vino bianco fresco.

Pizza alla diavola
La Diavola è una varietà di pizza italiana tradizionalmente condita con salsa di pomodoro, mozzarella, salame piccante e peperoncino piccante. Le olive nere sono facoltative e possono essere aggiunte per un sapore extra.

Pizza primavera
Questa varietà di pizza italiana è preparata con una base di pasta classica per pizza che viene condita con mozzarella e poi cotta brevemente. Gli ingredienti freschi aggiunti in genere includono pomodorini, rucola, prosciutto e scaglie di parmigiano.

Pizza prosciutto
Fette sottili di prosciutto cotto salato o cotto, mozzarella cremosa e una robusta salsa di pomodoro spalmata su un impasto base per pizza rendono la varietà di pizza conosciuta come pizza prosciutto. Questa pizza tradizionale viene solitamente condita con olio d’oliva, condita con origano e guarnita con foglie di basilico fresco.

La pizza al prosciutto può essere arricchita con l’aggiunta di altri ingredienti come cuori di carciofo, funghi o olive.

Pizza Napoletana
Soffice e sottile, la pizza napoletana offre una perfetta fusione tra impasto e condimento. La sua cottura deve avvenire rigorosamente nel forno a legna per seguire la squisita ricetta originale. Il condimento a base di pomodoro fresco e mozzarella si amalgama alla perfezione per un inconfondibile incontro di sapori.

Pizza a Metro
La pizza a metro è una delle più importanti specialità della costiera sorrentina, e in particolare del territorio di Vico Equense. Prevede dei tempi di cottura più lunghi rispetto alla pizza napoletana, ha un alto indice di idratazione e richiede dalle 6 alle 8 ore di lievitazione. Permette di avere più condimenti su un’unica lunga base di pizza, e questo permette di soddisfare le esigenze di un’intera tavolata in un colpo solo ma mantenendo alta la qualità del prodotto. La sua creazione è legata al nome di Gigino Dell’Amura, e risale agli anni 30.Oggi è una specialità che possiamo ritrovare nelle pizzerie di tutta Italia.

Pizza da degustazione
Inizialmente chiamata pizza gourmet perché ispirata all’alta cucina, questa pizza mantiene ingredienti di ottima qualità e di stagione. L’impasto e la farcitura non formano in questo caso un “gusto unico”, ma si distinguono nei sapori. Richiede lunghi tempi di lievitazione e maturazione e viene servita al tavolo già divisa in spicchi.

Pizza Fritta
Anche se si potrebbe pensare che la pizza fritta sia un’altra delle invenzioni scozzesi cariche di calorie, il piatto è una specialità napoletana che gode di uno status di culto tra i locali. Si ottiene sigillando i condimenti tra due strati di pasta per pizza e friggendola in olio bollente fino a renderla dorata e croccante.

Questa varietà di pizza si trova in numerose pizzerie napoletane, e si consiglia di consumarla ben calda da un pezzo di carta unta.

Pizza al Taglio
La pizza al taglio è la Regina di Roma. Preparata in grosse teglie rettangolari con tutti i gusti ed è venduta a peso. Nasce a Roma nella metà degli anni Cinquanta, quando diversi fornai pensarono di estendere l’offerta di prodotti da forno vendendo anche la pizza.

All’inizio nell’impasto erano presenti olio e strutto, ma diverse modifiche negli anni hanno portato alla pizza al taglio di ottima qualità che conosciamo oggi. Ne esiste anche una versione milanese, una pizza “al trancio”, con un bordo molto più alto e poco pomodoro compensato da una grande profusione di mozzarella.

Pinsa Romana
La pinsa romana è un antico piatto italiano e l’antenato della classica pizza che conosciamo oggi. L’ingrediente principale è la farina di pinsa romana, un mix di farina di grano tenero tipo 0, farina di soia, farina di riso e pasta di materia secca. Questa pizza antica ha una forma ovale (o talvolta rettangolare), la maggiore idratazione dell’impasto (rendendola più digeribile), e l’impasto contiene meno grassi e carboidrati rispetto alla pizza normale.

L’impasto della pinsa romana si prepara sempre con acqua fredda. Nell’antica Roma la pinsa veniva preparata dai contadini poveri, e il nome deriva dalla parola pinsere, che significa stendere o stendere, in riferimento alla pasta e alla sua forma allungata.



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Photo credits: https://it.freepik.com/
INFORMAZIONI SULLA PUBBLICAZIONE
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Contatta il responsabile o Leggi come procedere