EVENTI
Comunicato Stampa

Monteverro sulle vette bellunesi protagonista di VinoVip Cortina il 10 e 11 Luglio 2022

La realtà enoica di Capalbio partecipa alla tredicesima edizione dell’evento di Civiltà del Bere che riunisce a Cortina d’Ampezzo i grandi nomi dell’enologia e i produttori emergenti

fonte ufficio stampa ZEDCOMMLa Cantina gioiello di Capalbio – una cinquantina di ettari dolcemente adagiati sulle colline della Maremma del sud, 6 etichette, una filosofia che parla il linguaggio della sostenibilità, del biologico e dell’attenzione incondizionata per il lavoro in vigna e in cantina – attraversa l’Italia verso nord, direzione Cortina D’Ampezzo.

Qui - nel cuore delle Dolomiti venete dalla bellezza mozzafiato riconosciuta come Patrimonio Naturale dell'Umanità, in un’ampia valle circondata da alte vette – Monteverro sarà protagonista, insieme a una sessantina di aziende, di VinoVip Cortina, biennale firmata dalla rivista Civiltà del bere con il patrocinio del Comune di Cortina d’Ampezzo e il contributo di Agenzia ICE, che debutta negli anni pari, dopo lo stop forzato nel 2020 e 2021.

La Cantina bissa la presenza del 2019 e torna a conquistarsi un posto al sole in questo summit dedicato alle eccellenze vinicole giunto alla sua XIII Edizione: una due giorni intensa, fatta di degustazioni, incontri, seminari ad alta quota, un vero e proprio crocevia di confronto e conoscenza tra produttori e professionisti, collezionisti e appassionati che potranno degustare oltre 170 vini e distillati.

La Maremma autentica di Monteverro si farà conoscere agli appassionati attraverso i suoi vini, tre etichette che raccontano tre anime differenti. Lo Chardonnay di Monteverro 2019, elegante e raffinato è un vero cavallo di razza della cantina, un vino che spicca per l’unicità dei suoi profumi, la grazia delle sue sfumature olfattive, la preziosità delle sue nuance oro brillante con note argentee che esalta l’estetica nel bicchiere. È un vino che porta il mare ad alta quota con quelle sue delicate note di agrumi, limoni di Amalfi e fiori di limone, anice stellato, pera, erbe officinali, rotondo e vivace, con tocchi di pompelmo, pesca bianca che indugia su fico fresco e fiori bianchi.

Il pubblico della regina delle Dolomiti potrà confrontarsi anche con l’autorevole rosso della cantina, un gran Cru Maremmano: il Monteverro Toscana Rosso Igt 2018 - Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Merlot e Petit Verdot - un rosso importante, ma non austero, elegante ma non di maniera, potente ma mai eccessivo, raggiunge un’intensità e una complessità incomparabili, ma allo stesso tempo ha una freschezza e uno stile di rara nobiltà: sa trasmette la passione della cantina nella lavorazione manuale, nella selezione delle uve e nell’utilizzo di tecniche di vinificazione innovative. Tutte le bottiglie sono numerate.

E per chiudere gli assaggi di Monteverro, il fratello minore del grand Cru Maremmano – il Terra di Monteverro, Toscana Rosso Igt 2014, stesso blend ma da parcelle diverse - e come tutti i secondogeniti sfoggia una verve indomita, verace e immediata, che sa conquistare con quest’animo maremmano dal piglio irriverente. Si distingue per la sua piacevolezza accattivante, la struttura e l’intensità che rispecchiano la nostra terra. Si rivela aperto ed estremamente godibile, regala aromi della macchia mediterranea e note fruttate. È un vino che anno dopo anno ha saputo raccontarsi con un lessico emozionale, olfattivo e degustativo ricco e sempre diverso, esprimendo personalità differenti, espressione di tante sfumature, ma sempre fedele interprete del terroir di Maremma.

Quale miglior ambientazione per questi vini di carattere, se non Cortina D’Ampezzo con il suo percorso avventuroso che viaggia tra storia e leggenda, con avvicendamenti di antichi romani e popolazioni barbare? Quale luogo più adatto se non questa meta sciistica indiscussa, località amata dai vip trasversali a più epoche, qui dove alba e tramonto si colorano di rosa-arancione, secondo un fenomeno noto come Enrosadira, letteralmente dal ladino, "diventare di color rosa" (termine che dà nome anche a un vino rosso trentino della valle dei Laghi e a una varietà di lampone)?

Un vero e proprio viaggio enoico dalla Maremma del Sud alle Dolomiti!

Informazioni e prevendite per il pubblico sul sito www.vinovipcortina.it

Per conoscere il programma completo: http://vinovipcortina.it/il-programma/

Per maggiori informazioni: www.monteverro.com - https://www.facebook.com/monteverrowines/

Alcuni cenni su Monteverro

Nasce agli inizi degli anni 2000 da un’idea visionaria del proprietario Georg Weber, alla ricerca del luogo ideale dove dar vita al suo progetto di produrre vini di eccellenza. La scelta è pressoché già scritta: un amore incondizionato lega Georg alla Toscana, ma la vera intuizione è aver eletto a sua nuova dimora un territorio un po’ al di fuori dei circuiti vinicoli tradizionali. Una terra autentica e naturale, ricca di tradizioni e genuinità. Un grande lavoro in vigna e scelte attente in cantina si ripetono da 13 vendemmie per dare vita alle 6 eccellenze di Monteverro: il capofila taglio bordolese Monteverro, il fratello minore Terra di Monteverro, uno Chardonnay in purezza e un intrigante Syrah

https://www.facebook.com/monteverrowines

https://www.instagram.com/monteverrowines_official/

Per maggiori informazioni visitare il sito www.monteverro.com



Licenza di distribuzione:
Photo credits: fonte ufficio stampa ZEDCOMM
INFORMAZIONI SULLA PUBBLICAZIONE
Marketing Journal
Responsabile account:
Mariella Belloni (Vicecaporedattore)
Contatti e maggiori informazioni
Vedi altre pubblicazioni di questo utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Contatta il responsabile o Leggi come procedere