SPETTACOLO

Arianna Frattini ospite ufficiale alla 75ma Mostra del Cinema di Venezia

September 21 2018
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Dal "red carpet" l'appello della giovane scrittrice contro il femminicidio

COMUNICATO/STAMPA

ARIANNA FRATTINI OSPITE UFFICIALE ALLA 75MA MOSTRA DEL CINEMA: A VENEZIA L'IMPEGNO DELLA GIOVANE SCRITTRICE - TRA INTERVISTE E "RED CARPET" - CONTRO ABUSI E FEMMINICIDI

In un'edizione - la 75ma dalla sua fondazione - nella quale sono state frequenti le ambientazioni storiche in epoche più o meno recenti (dalle rivalità femminili nell' "entourage" della Corona britannica agli inizi del XVIII secolo in "The Favourite" di Yorghos Lanthimos all'oasi naturalistica costituita da un gruppo di giovani artisti nordeuropei al largo del Golfo di Napoli - alla vigilia della Prima Guerra mondiale - in "Capri-revolution" di Mario Martone, dalla tormentata esistenza di Vincent Van Gogh nel XIX secolo in "At Eternity's Gate" di Julian Schnabel alle tormentate vicende del Messico nei primi anni '70 in "Roma" di Alfonso Cuaròn) e al tempo stesso si è pòsto l'accento sui turbamenti della coscienza collettiva nell'era contemporanea (dalle reazioni alla strage studentesca di Columbine nel 1999 in "Vox Lux di Brady Corbet o al massacro norvegese di Utoja nel 2011 in "22 July" di Paul Greengrass, sino alle tensioni razziali nella Louisiana di oggi descritte nel "docu-film" di Roberto Minervini 'What you gonna do when the world's on fire"), anche il "red carpet" della Mostra del Cinema a Venezia - pur nel consueto e sfarzoso scintillío di mondanità ed abiti di pregio - in alcune occasioni si è rivelato il contesto idoneo in cui poter dare evidenza a simbolici messaggi di impegno sociale e civile.

Ecco il motivo per cui - vivendo la seconda esperienza consecutiva sul "tappeto rosso" della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica - la scrittrice Arianna Frattini ha voluto quest'anno testimoniare in prima persona il proprio sentirsi parte attiva nella battaglia contro il femminicidio ed ogni forma di abuso (o violenza) nei confronti della donna.


Presente anche in questa edizione a Venezia - come già nell'anno precedente - in qualità di ospite ufficiale della Biennale per la promozione dei due Romanzi al proprio attivo ("La ragazza che inseguiva le stelle" e "Quello che dovevo dirti", quest'ultimo uscito da alcuni mesi e dedicato al complesso tema delle adozioni e dell'abbandono minorile) e per anticipare le "linee-guida" del Progetto cinematografico tratto dal fortunato Romanzo d'esordio, la giovane autrice veronese ha scelto ancora una volta di sfilare sul "red carpet" in sinergia con la produzione di un film francese: nel 2017 Arianna optò a favore dell'opera di Rachid Hami "La mélodie" (romantica favola moderna nella quale l'amore per la musica si traduce in opportunità di riscatto sociale nella desolata "banlieue" parigina), mentre in questa seconda occasione il film prescelto - nella serata di sabato 1 settembre per la proiezione in Anteprima mondiale - è stato "Frères ennemis" di David Oelhoffen (in cui viene descritta la parabola esistenziale di due amici fraterni che - seguendo nella vita adulta percorsi drammaticamente contrapposti - si ritrovano alla fine in una comune armonia riscoprendo il senso più profondo delle proprie originarie radici).


Come si ricorderà, nella scorsa edizione Arianna Frattini aveva sfilato sul "red carpet" in un appariscente abito lungo di colore rosso ed avvolta - ad intermittenza - in un originale scialle/foulard recante in significativa evidenza il titolo del primo Romanzo "La ragazza che inseguiva le stelle"; per il suo secondo "tappeto rosso" alla Mostra del cinema a Venezia, l'apprezzata scrittrice scaligera si è invece distinta per aver indossato un abito di core nero a tinta unita in cui era anteriormente raffigurata l'immagine di copertina del suo stesso Romanzo d'esordio ma con la particolarità di essere integrato da un lunghissimo strascico posteriore recante - a caratteri ben visibili - la dicitura/messaggio "Basta femminicidi".


Accompagnata sul "red carpet" al Palazzo del Cinema, tra gli altri, dal regista Denis Salgarello- ed introdotta al suo ingresso dalla colonna sonora in sottofondo "Non mi avete fatto niente" di Ermal Meta e Fabrizio Moro (canzone vincitrice dell'ultimo Festival di Sanremo e, sia pure indirettamente, riconducibile al contenuto stesso del messaggio che la giovane autrice ha voluto esprimere), Arianna Frattini ha solcato con sobrietà il "tappeto rosso" sino all'accesso in Sala Grande: sinceramente emozionata e commossa per l'occasione, la scrittrice veneta ha più volte salutato il pubblico presente oltre le transenne e l'incisività del suo impegno (contro violenze ed abusi nei confronti delle donne) è stata particolarmente apprezzata dal pubblico stesso che l'ha ricambiata con applausi ripetuti e spontanei al suo passaggio.


Durante la stessa giornata di sabato 1 settembre - in attesa del "red carpet" serale - Arianna Frattini ha rilasciato alcune interviste nell'area della Mostra del Cinema, intrattenendosi altresì - con amici e collaboratori (e, ovviamente, sostenitori) in numerose e frequenti "foto-ricordo" e partecipando attivamente ad alcuni eventi collaterali organizzati in varie "location".


Superata con successo la "kermesse" veneziana, la giovane autrice si dedicherà ora alla preparazione di nuovi ed importanti impegni ed appuntamenti che l'attendono per i prossimi mesi.


Ricordiamo che le sequenze inerenti il "red carpet" di Arianna Frattini (con l'immagine del messaggio contro il femminicidio) sono state incluse dalla Biennale di Venezia nel video riassuntivo ufficiale che comprende i migliori - è più suggestivi - momenti della quarta giornata alla Mostra del Cinema 2018.

Daniele Mariotto
(Ufficio/Stampa & Public Relations
- Arianna Frattini)



Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere