AZIENDALI

Devi aprire un negozio, ristorante o laboratorio? Scia Commerciale Roma

October 1 2019
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Tutte le informazioni necessarie per muoverti nel burocratico se devi aprire una nuova attività commerciale e necessiti una SCIA Commerciale Roma

Come aprire un'attività
La Scia commerciale a Roma

Rendere più semplici le procedure per l'apertura di nuovi negozi, ristoranti o laboratori artigianali è il motivo per cui negli ultimi anni si sono introdotte una serie di normative finalizzate a dare impulso all'attività commerciale. Il presupposto è quello di limitare le eventuali lunghezze burocratiche e amministrative che potevano essere un elemento non solo di ritardo, ma economicamente dannoso per un'impresa che si stava avviando. In questa prospettiva nel caso in cui si decida a procedere con l'apertura di una nuova attività commerciale sarà necessario presentare una Scia. Ma cosa vuol dire questo termine? Come si effettua una Scia commerciale a Roma. Di seguito andremo a rivelare i singoli aspetti in modo da comprendere quali siano le autorizzazioni necessarie per l'apertura di un negozio, ristorante o laboratorio.


Cos'è la Scia commerciale a Roma
La normativa vigente e le tipologie esistenti

Il termine Scia è un acronimo che indica la Segnalazione certificata di inizio attività, intesa come una dichiarazione che viene effettuata da parte del soggetto interessato a svolgere una particolare attività commerciale, attraverso la quale sarà possibile iniziare i lavori e la ristrutturazione necessarie all'avviamento dell'attività. La Scia commerciale a Roma è stata introdotta con la legge 122 del 2010 è il suo fine è quello di rendere più semplice le procedure amministrative che sono necessarie ad avviare un'attività di un laboratorio, di un negozio o legate alla ristorazione. Infatti prima della sua introduzione era necessario chiedere un procedimento amministrativo come la DIA, ovvero la dichiarazione di iniziò attività. Infatti la vecchia normativa stabiliva che prima di poter iniziare a fare qualunque tipologia di intervento su un locale era necessario attendere 30 giorni di silenzio assenso, per poi intraprendere gli interventi diretti.
La legge 122 del 2010 stabilisce che la Scia corredata di tutti i documenti necessari, permette di iniziare l'attività per cui è stata richiesta il giorno successivo alla presentazione. Il comune di Roma avrà 60 giorni di tempo per effettuare i relativi controlli e richiedere eventuali modifiche dove necessario. Quindi la Scia deve essere effettuata prima dell'inizio di qualunque tipologia di attività. La legge però ammette la possibilità di tre diverse tipologie:

• Scia regolare: è quella che viene effettuata rispettando i termini previsti dalla legge e quindi prima dell'inizio di qualunque attività.
• Scia tardiva: è prevista nel caso in cui siano stati iniziati dei lavori, ma senza effettuare la Segnalazione di inizio attività che verrà quindi richiesta dopo e per questo è definita tardiva. Naturalmente si applica una sanzione per il mancato rispetto normativo.
• Scia in sanatoria: si considera il caso in cui i lavori siano già terminati con l'attività avviata, e viene effettuata la richiesta a sanatoria della mancata attivazione della procedura amministrativa.


Aprire un negozio, ristorante o laboratorio
Quali sono le fasi necessarie

Ma perché è importante la Scia? Se si desidera aprire un negozio, un laboratorio artigianale oppure un ristorante, per poter avviare l'attività, sono necessari una serie di documentazioni obbligatorie per legge. Di seguito elenchiamo quelli più importati:
1) Scia commerciale Roma: necessaria sia per dichiarare l'inizio dei lavori, ma in particolare per effettuare tutte le operazioni necessarie per rendere il locale conforme alla legge al fine di eseguire l'attività commerciale.
2) Nullaosta sanitario: rilasciato dall'Asl locale di competenza è un'attestazione con la quale si verificano i requisiti necessarie allo svolgimento dell'attività.
3) Qualifiche: nel caso di particolari attività, come centro estetico, laboratorio alimentare o ristorante, sarà anche necessario essere in possesso di diplomi o attestati, richiesti dalla legge per svolgere l'attività.


Come effettuare la scia commerciale a Roma
A chi rivolgersi e quali sono i casi

Ma quando la richiesta? La Segnalazione certificata di inizio attività è necessaria in caso di: manutenzione straordinaria, ristrutturazione, restauro e in qualunque tipologia di intervento su un edificio senza che vengano modificati i volumi.
Quindi per comprendere meglio i casi in cui si deve procedere alla Segnalazione di inizio attività, consideriamo la ristrutturazione di un laboratorio di pasticceria che prevede l'apertura di una porta in un muro: in questo caso sarà necessario chiedere la Scia.
Ma come si procede? La domanda di una Scia commerciale a Roma deve essere effettuata online presso lo Sportello SUAP del comune di appartenenza. La richiesta può avvenire anche da parte del semplice imprenditore, ma si consiglia comunque l'intervento di un tecnico abilitato, come un geometra iscritto regolarmente all'Albo, data la presenza di numerosi documenti che devono corredare l'atto e che in caso di mancata consegna possono determinare sanzioni economiche anche elevate.
I documenti da allegare sono:

• modulo Scia: è il modulo che deve essere compilato e che contiene tutti i riferimenti del richiedente e dell'impresa.
• Relazione tecnica: viene richiesta una relazione completa con tutti i lavori effettuato oltre agli eventuali calcoli sismici, strutturali e la specifica con la divisione dei luoghi.
• Ricevuta dell'istruttoria: la richiesta di Scia commerciale a Roma prevede il pagamento dei diritti di istruttoria che dovranno essere versati al momento della richiesta.
• Computo metrico: viene richiesto il calcolo del computo metrico per il contributo di costruzione.



Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere