ARTE E CULTURA

Giunge alla XXV edizione la giornata di studi su „Gioacchino Murat: un Re tra storia e leggenda” . L'incontro si terrà a Reggio Calabria a cura del Circolo Culturale “L'Agorà” ed il Centro studi „Gioacchino e Napoleone”.

November 11 2019
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Durante il “Decennio francese” , acronimo adottato dallo storico calabrese Umberto Caldora, vennero emanate una serie di leggi e decreti che rielaborarono, ammodernandone, l'impalcatura della pubblica amministrazione. Furono, infatti, soppresse le Regie Udienze, e furono istituite le Provincie, i Distretti, e i Circondari. L'Amministrazione comunale fu modificata con la creazione del Decurionato che sostituiva i Parlamenti delle Università. Questi alcuni dei temi che saranno oggetto di analisi del nuovo incontro che si terrà a Reggio Calabria.

Il Circolo Culturale “L'Agorà” ed il Centro studi „Gioacchino e Napoleone” organizzano per venerdì 29 novembre (ore 16,30) la XXV edizione sul decennio francese nel Mezzogiorno della Penisola e, nello specifico, del territorio calabrese. „Gioacchino Murat: un Re tra storia e leggenda” è il titolo della giornata di studi che avrà luogo luogo presso la saletta conferenze Chiesa San Giorgio al Corso (ingresso Via Giudecca – inizio tapis roulant) di Reggio Calabria. Il filo conduttore dell'appuntamento sarà „La riforma amministrativa degli enti pubblici nel Mezzogiorno durante il decennio francese ed il rapporto tra Stato e Chiesa” al quale seguiranno gli interventi di Gianni Aiello (presidente delle due co-Associazioni) Natale Bova (vice presidente del Circolo Culturale “L'Agorà”) e dello studioso del territorio calabrese Matteo Gatto Goldstein che analizzerà alcuni aspetti inerenti al territorio di Mosorrofa durante tale periodo storico.Nel corso della nuova edizione sarà analizzato il tema delle strutture amministrative durante il periodo dei napoleonidi. Il “Decennio francese” , acronimo adottato dallo storico calabrese Umberto Caldora, ebbe inizio con l'entrata in Napoli di Giuseppe Bonaparte il 15 febbraio 1806. Con decreto imperiale (promulgato a Parigi il 30 marzo dello stesso anno) Giuseppe Bonaparte amministrò il Mezzogiorno sino alla data dell'8 luglio 1808, quando con altro decreto venne nominato Re di Spagna (6 giugno 1808 – 11 dicembre 1813). A Giuseppe Bonaparte succedette Gioacchino Murat (1º agosto 1808 – 3 maggio 1815).



Licenza di distribuzione:
Giovanni Aiello
Presidente Circolo Culturale L'Agorà - RC - Circolo Culturale L'Agorà - Reggio Calabria
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere