ARTE E CULTURA

La maschera, pittura scultura e fotografia sul Naviglio Grande

April 2 2015
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

tematica collettiva del Gruppo E a Milano

Spazio E

Alzaia Naviglio Grande, 4
Milano

presenta

Gruppo E Artisti: La maschera

Marco Bellomi, Giulio Belloni, Valentina Carrera, Raffaele De Francesco, Rossano Di Cicco Morra,
Siberiana Di Cocco, Germana Lorenzo, Anna Epis, Carlo Fontanella, Silvia Gobbo, Paolo Lo Giudice,
Clara Luminoso, Marija Markovic, Italo Mazzei, Giuseppe Orsenigo, Thioro Faye, Lyudmila Vasilieva


Gruppo E Fotografi: La maschera
(presso lo Spazio E2)

Alessandro Baito, Fiorenzo Bordin, Ivano Boselli, Valentina Carrera, Liliana Casadei,
Paola Gatti, Serena Groppelli, Marco Lombardo, Monica Mietitore, Luigi Profeta,
Alessandra Repossi, Francesco Romoli, Susanna Serri, Pavel Vavilin



inaugurazione 4 aprile ore 17
la mostra sarà visitabile tutti i giorni dal 4 al 9 aprile 2015
con recital Gruppo E Scrittori

Alessandro Baito, Luigi Besana, Andrea Fuso, Rita Grisostolo,
Virgilio Patarini, Livia Perfetti, Giacomo Pinelli, Andrea Pistone


sabato 4 e domenica 5
Performance di body-painting
di Germana Lorenzo


Orari:
da martedì a sabato dalle ore 15.00 alle ore 19.00
aperto domenica 5 (Pasqua) e lunedì 6, dalle ore 11.00 alle ore 19.00
chiuso venerdì 10 aprile

Ingresso libero


Tanto si è detto sulla Monnalisa, forse il lavoro più famoso di Leonardo. Alcuni hanno anche supposto che si trattasse di un autoritratto en travesti riallacciandosi all'ipotesi mai confermata di un Leonardo omosessuale. Ma che essa rappresenti una donna realmente esistita o meno, che sia una proiezione o una fantasia o qualsiasi altra cosa, l'unica cosa che deve interessare è la Bellezza del dipinto, l'eleganza la magia anche l'enigmaticità che traspare dalla tela.
Nella vita quotidiana di ciascuno abbiamo a che fare con il concetto di maschera, più o meno coscientemente. Utilizziamo travestimenti nelle relazioni personali e ancora più in profondità ci avvaliamo della dissimulazione anche con noi stessi, negando o esaltando certe nostre caratteristiche per poter stare in armonia con noi stessi e di conseguenza con il mondo. Anche in questo caso non è importante se noi siamo veramente come appariamo, seppure una profonda coscienza di sé è auspicabile per un consapevole sviluppo della personalità; è prima di tutto importante che il risultato esterno sia Bello, che siamo stati in grado di creare qualcosa di armonico con il mondo. Tutti abbiamo dei difetti; mascherarli perché ci imponiamo di essere migliori nella consapevolezza del difetto e nella volontà di crescita può essere solo un pregio, addirittura maggiore di chi possiede le virtù naturalmente.
Nel discorso artistico i livelli si moltiplicano, tanto da rendere l'interpretazione di un'opera dal punto di vista della Machera un'avvenura affascinante, soprattutto quando il tema del lavoro è la Maschera stessa. Dobbiamo considerare che l'opera è stata realizzata da un uomo o da una donna che in quel momento è artista che riflette sul concetto di maschera rappresentando qualcosa o qualcuno che teoricamente è maschera di qualcosa d'altro, un qualcosa di impercettibile veramente. Il risultato finale è un gioco di filtri e specchi dove ci si può felicemente perdere.

Alessandro Baito


In collaborazione con

Zamenhof Art – Milano
Cooperativa Letteraria – Torino


Contatti

Spazio E
Spazio E2
Alzaia Naviglio Grande 4, Milano
aestdelleden@libero.it
338.7689158

Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere