AZIENDALI

Le case di Domus / Città - L’attico tecno chic

June 6 2012
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Architettura, arte e design si fondono per un effetto elegante ed accogliente

Siamo in compagnia di Francesca Lucherini, architetto che si occupa, in qualità di socio, della progettazione di spazi e arredamenti interni per Domus Arredamenti: parliamo con lei di una recente realizzazione, un attico nel centro di Arezzo. Mostrandoci delle foto, inizia a raccontare il suo intervento.
“Il palazzo era ancora in costruzione e il cliente non era soddisfatto della suddivisione degli spazi nel progetto su carta” racconta Francesca “così siamo intervenuti modificando interamente la pianta dell’appartamento, rielaborandola e ridisegnando le aree della casa a misura delle sue esigenze. Il lavoro è durato circa due anni e ha richiesto molto impegno sia da un punto di vista tecnico, che nella scelta dei materiali.”
Si tratta di un appartamento di circa 200 mq, distribuiti in un ampio salone, cucina abitabile, 4 camere e 3 bagni, più una spaziosa terrazza di circa 50 mq.
L’ingresso della casa dà sul soggiorno. Entrando si viene subito colpiti dal forte impatto dell’accostamento dei colori chiari, terreni, con il nero, che richiama molto i gusti dei primi del ‘900: il controsoffitto ad onda in doghe di legno chiaro (progettato su misura), il pavimento seminato alla veneziana che, grazie al disegno di Francesca, incornicia perfettamente la zona pranzo. Niente è lasciato al caso: lo specchio “Scomposto”, dell’artista di Cesenatico Davide Medri, contrasta con le linee pulite del resto degli arredi dei primi del ‘900, in stile Biedermeier.
A fare da quinta, dividendo la zona pranzo dall’area relax, troviamo un camino passante, realizzato per mascherare una colonna portante. Anche i pezzi del salotto sono stati scelti con cura: il mix perfetto di arredi di design contemporanei - il grande divano Cassina - con vere e proprie icone del design - le poltrone Le Corbusier e la lampada Fontana – rende la stanza accogliente, nonostante sia molto moderna.
“Del risultato della cucina sono particolarmente orgogliosa,” dice Francesca “abbiamo scelto un sistema cucina Boffi con le ante bianche laccate lucide, i piani in acciaio per la zona tecnica (fuochi e lavello), e in massello di rovere per la zona lavoro. Ho creato una dispensa a muro, utilizzando dei pannelli scorrevoli di vetro con profili in alluminio nero. L’isola centrale con i fuochi domina l’ambiente, che è servito da ben due zone pranzo: una interna ed una esterna.
L’ampio terrazzo con vista è dotato di tutti i comfort, dall’angolo cottura per le grigliate all’aperto, al lavello, per quanto riguarda la zona pranzo. Abbiamo poi una Jacuzzi e delle sdraio per la zona solarium/relax, che trasformano l’ambiente in un vero e proprio salotto all’aria aperta. L’intero arredamento è della collezione outdoor Gandia Blasco, ed è stato scelto in modo che potesse essere utilizzato in diversi modi e in tutte le stagioni: se non fa troppo freddo, i proprietari amano rilassarsi dopo cena all’aperto in compagnia di amici.”
L’attenzione dei proprietari al risparmio energetico e all’ ecosostenibilità ha fatto sì che scegliessero di installare un impianto fotovoltaico per alimentare la casa, ma non solo: uno dei bagni, senza finestra, presenta un sistema evoluto di illuminazione naturale, i “light pipes”, condotti che trasportano la luce del sole all’interno degli ambienti. La luce naturale raccolta e concentrata è guidata verso l’interno con linee tubolari internamente rivestite da materiale innovativo ad alta riflessione, che permette di minimizzare la dispersione dei raggi e assicurare un apporto di luce sufficiente ad illuminare tutta la stanza. In questo bagno, il lavabo è realizzato in un unico blocco di pietra di Bihara appoggia su una base a terra di legno wengé e fa parte della collezione “I fiumi” di Boffi.



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Matilde Bandera
Addetta Stampa - Atlantide Audiovisivi srl
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere