SPETTACOLO

Luca Di Carlo compra Playboy di Hugh Hefner e salva le conigliette

January 19 2018
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Luca Di Carlo celebre "avvocato del diavolo" compra il capitale sociale di Playboy società fondata da Hugh Hefner

Grazie all’acquisto di una quota da parte dell’italiano legendario Luca Di Carlo, “L’avvocato del Diavolo”, la popolare e rivoluzionaria rivista Playboy continuerà a esistere, seppur reinventandosi.Impedendo il blitz della società americana di private equity Rizvi Traverse, che sarebbe interessata a mettere le mani sul 35% che il fondatore Hugh Hefner ha lasciato ai suoi eredi dopo la sua morte, l’italiano permetterà al magazine delle conigliette di rimanere in vita, rilanciandosi nella versione digitale.

“Compro Playboy Enterprises” e “salverò Playboy Magazine e le conigliette Playmate dall’estinzione”, promette Di Carlo contattato da Wall Street Italia. “Sono mie le azioni societarie di Hugh Hefner”, assicura l’avvocato “re del cinema hard”, come lo definisce l’agenzia parlamentare, l’agenzia di stampa parlamentare più antica d’Italia.

La stampa della rivista si interromperà ma per lo meno, riferiscono a Wall Street Italia fonti vicine a Luca Di Carlo, il business editoriale rimarrà inalterato. Il gruppo di private equity avrebbe voluto assicurarsi una quota maggioritaria della società per acquisire il marchio, con cui poter fare bigiotteria, come diamanti, e abbigliamento firmati. Ma il 35% è ancora bloccato e non è credibile che questo avvenga, secondo quanto riportato dalle fonti.

L’obiettivo dell’avvocato Luca Di Carlo è invece quello di acquistare il 35% della società per conservare l’essenza del magazine, la sua linea e il suo fine ultimo per il quale la società Playboy è nata. Si tratta di un magazine considerato rivoluzionario dal punto di vista sessuale e sociale per la sua epoca. Non farla cadere in mano a una società di investimento che ne farebbe invece soltanto, secondo le fonti, un business commerciale, è l’obiettivo principale di Luca Di Carlo.

Negli ultimi tempi Di Carlo ha pubblicamente e con forma scritta manifestato la volontà agli eredi di Hefner di acquistare le quote azionarie sociali della Playboy Enterprises. Il capitale azionario ereditario è del 35% per un valore di circa 45 milioni di dollari decurtato dei debiti che ammontano a svariati milioni di dollari: sono anni infatti che il magazine chiude gli esercizi con perdite di milioni di dollari progressivamente aumentate negli anni.

Hefner, morto il 27 settembre dell’anno scorso, ha trasferito nel 2011 la maggioranza delle azioni societarie trattenendo il 35% del patrimonio azionario per un valore di circa 45 milioni di dollari che sono destinate ai figli. La società di investimenti Rizvi Traverse vuole imporre il ruolo di azionista di maggioranza per acquistare forzosamente le azioni dagli eredi di Hefnere.

Gli eredi sono liberi di cedere le loro azioni a chiunque, vicenda che porterà a un eventuale innesco di processo da parte della Rizvi Traverse che ha interesse a diventare proprietaria al 100% della Playboy Enterprises. L’avvocato Luca Di Carlo e i figli di Hefner saranno probabilmente costretti a vedersela processualmente contro il socio di maggioranza.

Luca Di Carlo il leggendario avvocato italiano è passato agli onori e nell'Olimpo della cronaca quando fece assolvere la pornostar ed ex deputata del Parlamento italiano Ilona Staller, in arte Cicciolina, in un processo penale, vincendo sulla connessa richiesta risarcitoria milionaria contro l’ex coniuge artista americano Jeff Koons, in relazione alla guerra legale del rapimento internazionale del loro figlio minore portato dagli Stati Uniti in Europa.
Luca Di Carlo oggi è "l'avvocato più pagato".
Hugh Hefner, morto a settembre del 2017, ha trasferito nel 2011 la maggioranza delle azioni societarie trattenendo il 35% del patrimonio azionario per un valore di circa 45 milioni di dollari che sono destinate agli eredi figli.



© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere