SICUREZZA INFORMATICA

Minacce web-based: l’analisi di Palo Alto Networks per Q2 2018

September 11 2018
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Stati Uniti al primo posto per numero di domini pericolosi ospitati

I ricercatori di Palo Alto Networks hanno rilevato che nel secondo trimestre 2018 gli Stati Uniti sono saliti sul gradino più alto del podio per maggior numero di domini pericolosi ospitati e exploit kit. Palo Alto Networks ha rilevato che le vulnerabilità sotto attacco sono rimaste una costante, tra cui alcune molto “datate”, mentre una tra le nuove ha utilizzato attacchi zero-day, raggiungendo le prime posizioni in classifica.

Gli Stati Uniti hanno mantenuto il primo posto tra gli hoster di domini pericolosi, con un significativo incremento anche dell’Olanda. Nel resto del mondo, il numero di domini ospitato si è ridotto notevolmente. Anche per quanto riguarda gli exploit kit, gli Stati Uniti si sono rivelati numeri uno in tema di hosting, con un numero superiore alla somma di tutti gli exploit kit degli altri paesi.

Sulla base delle ricerche condotte, i ricercatori di Palo Alto Networks consigliano alle aziende di
focalizzarsi sulla protezione di Microsoft Windows e Adobe Flash e Reader, assicurandosi che siano aggiornati all’ultima versione. Inoltre, dovrebbero utilizzare account con privilegi limitati, per contenere i danni da parte di malware. Infine, la protezione da URL e domini pericolosi e sicurezza degli endpoint per prevenire malware come gli exploit kit, possono aiutare a difendersi dalle minacce di Internet.

Questi i punti chiave della ricerca:

• Domini pericolosi hosted
- Gli Stati Uniti si classificano al primo posto con il maggior numero di domini pericolosi ospitati.
- In generale, esclusa l’Olanda che ha subìto un incremento significativo, il numero di domini ospitati è diminuito rispetto al Q1.
- Vi è stata una riduzione notevole dei domini pericolosi in Russia e Cina
- Nonostante un significativo calo del numero di domini ospitati, Hong Kong si riconferma al terzo posto degli hoster
- L’Australia è salita al numero quattro della classifica, nonostante un incremento ridotto.
- Il numero di domini pericolosi si è ridotto di oltre la metà in Germania.
- Il numero di domini ospitati in Regno Unito e Italia è rimasto invariato.

• Vulnerabilità
Sono state individuate differenti vulnerabilità, già conosciute e sfruttate da più di nove anni. Una vulnerabilità nuova è stata invece utilizzata in attacchi zero-day e risolta nel mese di maggio.

• Exploit Kit
Anche in questo settore, gli Stati Uniti si stagliano al primo posto a livello globale, con un numero pari a più della metà di quello mondiale (296 negli Stati Uniti, 567 totale mondiale).
La Russia si classifica al secondo posto, seguita da Cina e Hong Kong.


Il report completo è disponibile qui https://researchcenter.paloaltonetworks.com/2018/09/unit42-web-based-threats-2018-q2-u-s-remains-1-malicious-web-addresses-china-falls-2-7/

Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere