ARTE E CULTURA

Mostra “L’Italia a Hollywood” a Palazzo Spini-Feroni.

October 18 2018
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Il panorama culturale fiorentino non smette di arricchirsi, ecco un’altra mostra temporanea da non perdere per chi è in visita nella città toscana. Fino al 10 Marzo 2019 a Palazzo Spini Feroni sarà possibile visitare la mostra “L’Italia a Hollywood”, all’interno del museo Salvatore Ferragamo.

Mostra “L’Italia a Hollywood” a Palazzo Spini-Feroni.

Gli italiani a Hollywood negli anni venti in mostra al museo Ferragamo

Il panorama culturale fiorentino non smette di arricchirsi, ecco un’altra mostra temporanea da non perdere per chi è in visita nella città toscana. Fino al 10 Marzo 2019 a Palazzo Spini Feroni sarà possibile visitare la mostra “L’Italia a Hollywood”, all’interno del museo Salvatore Ferragamo.

Salvatore Ferragamo, una storia di talento e di successo

Dietro ai brand di successo vi sono spesso storie che vale la pena approfondire. È decisamente il caso di Salvatore Ferragamo e della forte industria di moda che è riuscito a creare, soprattutto considerando le umili origini dalle quali è partito.
Nel 1898 Salvatore nasce a Bonito, un paesino a un centinaio di chilometri da Napoli. Come molte famiglie in quegli anni, Salvatore è undicesimo di quattordici figli. Già da adolescente dimostra una forte passione per le scarpe, che ha l’occasione di lavorare nella piccola bottega di un calzolaio, come apprendista. Già a 13 anni apre un suo negozio a Bonito. Dopo 3 anni raggiunge a Boston un fratello che lavora in grande calzaturificio. Qui apprezza gli aspetti positivi della modernità, che porta una grande velocità nella produzione. Il lato negativo, subito colto dal giovane Salvatore, è che spesso la qualità del prodotto viene tralasciata. Si sposta successivamente a Santa Barbara, in California, dove apre una bottega di riparazioni per calzature. Qui inizia una grande storia d’amore e di successo tra il giovane e talentoso calzolaio e la California degli anni venti, dove prospera una scintillante azienda cinematografica: Hollywood. Sarà proprio questo ambiente che frutterà a Salvatore Ferragamo i suoi più grandi successi: dopo essersi specializzato nello studio dell’anatomia umana apre una bottega di riparazione e fabbricazione calzature, il “Hollywood Boot Shop”, che diventa il punto di riferimento di tutte le star di Hollywood; tanto che Salvatore Ferragamo viene presto definito “the Shoemaker of the Stars”, il calzolaio delle stelle. Durante la crisi del 1929 e degli anni successivi, anche le stelle tuttavia si affievoliscono, e il mercato americano subisce una contrazione così forte che Salvatore Ferragamo è presto costretto a tornare in Italia. È in questo momento che nasce il rapporto tra Ferragamo, la sua azienda e la città di Firenze, che reagisce benissimo ai prodotti del grande artista. Grazie a questo successo, Ferragamo è presto in grado di comprare Palazzo Spini-Feroni, che ospita oggi il museo a lui dedicato, nonché la mostra.

La discendenza, il palazzo e le mostre

Se oggi possiamo vedere la mostra è anche merito di Fiamma Ferragamo, figlia di Salvatore e ereditaria del grande lavoro che Salvatore Ferragamo lasciò alla sua morte, nel 1960. Fiamma raccoglie e porta avanti l’attività di famiglia, e crea lei stessa dei pezzi unici come la scarpa Vara, creata nel 1978. Fiamma ha molto a cuore la trasmissione dei valori dell’azienda e fonda quindi il museo Ferragamo, nonché si preoccupa della nascita della prima mostra a Palazzo Strozzi dedicata al padre.
La mostra che oggi è visitabile a palazzo Spini-Feroni è incentrata sugli anni venti a Hollywood, con particolare focus sulla presenza degli italiani e sulle attività che essi portavano avanti all’interno della grande industria cinematografica statunitense. La mostra apre con informazioni sulla Panama-Pacific International Exposition, tenutasi a San Francisco nel 1915. All’interno di questa esposizione internazionale, il padiglione italiano progettato da Marcello Piacentini ebbe un grande successo e contribuì all’apprezzamento degli americani per l’arte e l’architettura del Bel Paese.

Perché visitare la mostra

La mostra ci porta ad una già approfondita conoscenza della storia di Salvatore Ferragamo e della sua famiglia, e ci invita a riflettere sulla necessità di portare avanti, in quanto consumatori, i prodotti nati nel nostro territorio, non solo per un fattore di ritorno economico ma anche per rendere giustizia a personaggi come Salvatore Ferragamo, che ha dedicato tutta la vita a portare alle “stelle” un’idea italiana di calzatura.



Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere