MUSICA

Orchestra e coro “Quodlibet” eseguono il Ein Deutsches Requiem Op.45 per soli, coro e orchestra di Johannes BRAHMS (1833-1897) alla Basilica di Santa Maria Gloriosa dei Frari

June 19 2019
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Lunedì 24 giugno, alle ore 20:45, nella straordinaria cornice della Basilica di Santa Maria Gloriosa dei Frari, sotto la direzione del maestro Emanuele Pedrini, l’associazione culturale musicale “Quodlibet”, con orchestra e coro, assieme ai solisti Irina Dubrovskaya (soprano) e Andrea Cortese (Baritono), eseguiranno l’opera Ein Deutsches Requiem Op.45 di Johannes Brahms.

Lunedì 24 giugno, h 21

CONCERTO
Johannes BRAHMS (1833-1897)
Ein Deutsches Requiem Op.45
per soli, coro e orchestra

ORCHESTRA E CORO “QUODLIBET”
Emanuele Pedrini direttore
Basilica di Santa Maria Gloriosa dei Frari, S. Polo, 3072, Venezia

COMUNICATO STAMPA
Lunedì 24 giugno, alle ore 20:45, nella straordinaria cornice della Basilica di Santa Maria Gloriosa dei Frari, sotto la direzione del maestro Emanuele Pedrini, l’associazione culturale musicale “Quodlibet”, con orchestra e coro, assieme ai solisti Irina Dubrovskaya (soprano) e Andrea Cortese (Baritono), eseguiranno l’opera Ein Deutsches Requiem Op.45 di Johannes Brahms.
L’Associazione “Quodlibet”, che ha sede a Mogliano Veneto, conta un organico di oltre ottanta elementi per il coro, con una pluriennale esperienza ed una sezione strumentale di professori d’orchestra altamente qualificati. Il repertorio, per lo più sacro e lirico, abbraccia la produzione musicale che va dalla polifonia del XVII secolo alle composizioni contemporanee.
Frutto di una lunga gestazione, il Requiem Tedesco una delle pagine più belle e toccanti della Storia della Musica e appartiene alla prima fase creativa di Brahms. In un difficile equilibrio timbrico e dinamico, che fa risaltare la sofferenza e l’angoscia dell’uomo posto di fronte al mistero della morte, un’opera che si impone paradossalmente per il suo carattere “non liturgico” e “non cattolico” con l'organico tipico del grande oratorio romantico, un'opera corale che riflette la concezione protestante della morte, intesa come trapasso a una vita migliore.
È la Basilica dei Frari il palcoscenico scelto per presentare a Venezia, quest’opera monumentale, dopo la prima esibizione del 17 giugno nel Duomo di Mogliano Veneto, alla memoria dell’illustre concittadino Giuseppe Berto.
Alla guida dell’esecuzione, il maestro Emanuele Pedrini, socio fondatore dell’Associazione e direttore artistico e musicale, direttore d’orchestra di rilievo, con una considerevole esperienza sia nella direzione musicale che nel canto solista.
Assieme al coro ed all’orchestra, si esibiranno, con il ruolo di solisti Irina Dubrovskaya, una soprano di origine siberiana, ma di rilievo internazionale che vanta un curriculum pluriennale di esibizioni, ha collaborato con importanti direttori d’orchestra e svolge un’intensa attività concertistica in tutta Europa, e Andrea Cortese, baritono veronese, tra i vincitori del Luciano Pavarotti International Competition, con una apprezzabile carriera su palchi italiani ed internazionali.


INFO
Ingresso gratuito con invito ritirabile presso la Basilica dei Frari fino alle ore 19 del 24 Giugno 2019


Ufficio stampa e Comunicazione
FG Comunicazione
Davide Federici Cristina Gatti
info@fg-comunicazione.it
+39 331 5265149 – 338 6950929
www.fg-comunicazione.it






Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere