ECONOMIA e FINANZA

Privacy e condominio. Incontro col Garante per la Protezione dei dati Personali, resoconto e prospettive

November 20 2018
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Aperto il tavolo di confronto con il Garante che ha manifestato grande disponibilità per aiutare le Associazioni nel raggiungimento dell'obiettivo della pubblicazione del Codice di Condotta in materia condominiale.

Oggi, giornata storica. Le Istituzioni e le Associazioni di categoria aderenti al progetto del Codice di condotta in materia di trattamento dei dati personali, si sono riunite, allo stesso tavolo, con un fine comune: il bene della categoria degli amministratori di condominio e dei condomini che rappresentano l'ottantacinque per cento della collettività nazionale.

L'interesse manifestato dalle Istituzioni, che qui si ringraziano nuovamente, ha fatto comprendere la direzione intrapresa è quella corretta.
Oggi è iniziato un lungo ed impegnativo percorso, con l'obiettivo di raggiungere un interesse che riguarda la collettività: il diritto alla tutela dei dati personali, costituzionalmente garantito, oggi divenuto primario con il Regolamento Europeo 679/16.

L'incontro ha portato le Associazioni a dialogare con il Garante Nazionale che, nonostante l'assenza ad oggi di linee guida da parte delle autorità europee ha confermato, attraverso un atteggiamento propositivo, un'estrema sensibilità nei confronti della materia.

Il canale che si è aperto permetterà di analizzare la disciplina condominiale a 360 gradi, declinare i dubbi, le dinamiche pratiche, le interpretazioni dottrinarie e giurisprudenziali, riunendole in un unico contenitore da condividere con il Garante per trovare le giuste risposte.

Il lavoro che porterà, in un futuro vicino o lontano, alla nascita di un Codice di condotta riconosciuto ai sensi dell'art. 40 del Regolamento europeo, ha già dato luce ad un risultato che per gli Amministratori è ancora più importante: la consapevolezza di poter essere ascoltati, di poter dire la propria in un ambito così spinoso come quello della privacy che, in maniera diretta prima e indiretta poi, tocca ogni aspetto della disciplina condominiale.

Si fa tesoro di questo insegnamento proseguendo congiuntamente verso questa direzione.
Si auspica che anche le Associazioni di categoria non ancora aderenti al progetto si facciano avanti; per poter dire la loro e per aiutare in questo lavoro che, vista la portata acquisita, necessita della collaborazione di tutti.

Come sottolineato dal Garante, infatti, in attesa delle citate linee guida europee, non possiamo fermarci. Si deve lavorare raccogliendo ogni spunto pratico e teorico per comporre un quadro che aiuti dall'amministratore al condomino, nell'ottica di ridurre il rischio di contenzioso e agevolare il lavoro dei professionisti.

Il tutto potrà avvenire solamente partendo dalla diffusione della cultura in materia di trattamento dei dati personali che, come detto, interessa si l'amministratore quale responsabile del trattamento, ma anche il condomino quale contitolare del trattamento.
Le Associazione, pertanto, sono chiamate ad essere parte attiva in questo percorso, garantendo la formazione mirata all'amministratore.
Ad oggi le linee guida depositate al Garante, riportate nel Codice di Condotta, si crede essere un ottimo punto di partenza che si auspica verrà divulgato dalla totalità delle Associazioni, perché ora serve far fronte comune per vincere tutti insieme.

Redazione Condominioweb
Ufficio Stampa
press@condominioweb.com



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere