SALUTE e MEDICINA

Quando desideri un figlio

May 4 2021
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Aspetti medici e psicologici della valutazione e del trattamento delle coppie infertili (Studio multicentrico).

Trattamenti per L'infertilita' - Sostegno Psicologico

La legge 40 del 2005 riconosce l’importanza del sostegno psicologico nell’ambito dei trattamenti per l’infertilità e prevede per ogni centro PMA la possibilità della consulenza e del supporto psicologico per tutte le donne e le coppie che ne abbiano necessità. Il sostegno psicologico deve essere accessibile in tutte le fasi del trattamento, dall’accertamento diagnostico alla scelta della tecnologia riproduttiva, fino all’eventuale successo o fallimento del tentativo a completamento del ciclo di procreazione assistita.

Lo scopo è quello di facilitare e mediare le procedure mediche, per tutelare la qualità della relazione coniugale e sviluppare nei pazienti modalità di coping efficaci per rispondere allo stress dell’infertilità.

L’analisi delle pratiche mediche rivela però una generale svalutazione dell’intervento psicologico, spesso gestito in modo approssimativo o del tutto assente. Lo spostamento esclusivo dell’attenzione sull’obiettivo specifico del concepimento, sull’interesse delle coppie per l’ovetto fecondato, non permette di comprendere i correlativi emotivi e psichici dell’infertilità, che possono portare a conseguenze negative sul funzionamento individuale e coniugale.

La costruzione di uno spazio emozionale entro il quale accogliere questi vissuti, entrare in contatto con sentimenti spesso difficili da esprimere, stabilire una comunicazione aperta e positiva, costituiscono invece un elemento centrale nella progettazione di protocolli di intervento strutturati.

La ricerca proposta è uno strumento di indagine degli aspetti clinici, psicologici e relazionali dei trattamenti per l’infertilità.

Studio multicentrico.

Lo scopo è quello di valutare i livelli di vulnerabilità e di compromissione del funzionamento psicologico e relazionale, per definire gli obiettivi, le modalità e i tempi dell’intervento psicologico. Nel discorso sul bisogno di genitorialità, l’esperienza dell’infertilità si inserisce come momento di crisi profonda: l’ostacolo alla possibilità di soddisfare il desiderio di un figlio, sul piano individuale e di coppia, spinge alla ricerca di strategia alternative per realizzare il proprio progetto di vita.

Le tecniche di fecondazione assistita offrono una risposta concreta per la risoluzione del problema; ma il ricorso alla procreazione medicalmente assistita comporta un lungo periodo di cure mediche, esami clinici, trattamenti invasivi, che non garantiscono la certezza di un risultato positivo.

Le ipotesi di ricerca sul rapporto tra fattori psicologici ed infertilità riguardano principalmente il ruolo dei fattori psicologici nell’eziologia dell’infertilità, l’impatto dell’infertilità sul funzionamento psicologico, le strategie di adattamento all’infertilità, la consulenza psicologica alle coppie infertili, i correlativi emotivi delle tecniche di procreazione medicalmente assistita: l’infertilità è una condizione in divenire e implica una specifica evoluzione psicologica in parallelo con le tappe del percorso diagnostico e terapeutico.

Le risposte emotive all’infertilità sono caratterizzate dal sentimento del lutto e della perdita, che attiva vissuti di ansia, frustrazione, depressione che investono ogni aspetto della vita dei pazienti.

Conclusione.

Il superamento del trauma non si esaurisce nelle possibilità delle tecnologie riproduttive ma deve contemplare interventi di sostegno per studiare la struttura caratteriale dei soggetti sul piano individuale ed osservare le dinamiche di coppia al fine di stimolare o ristabilire la ricerca di un equilibrio soddisfacente.

Accettare il problema, fronteggiare le pressioni sociali, gestire il lutto che deriva dall’esperienza della perdita dell’ideale di sé e della propria immagine corporea, riflettere sull’importanza della genitorialità e sulle motivazioni che spingono ad avere un figlio, formulare un percorso modulato sulle caratteristiche dei pazienti e dei loro vissuti fisiologici e psicologici: sono questi i compiti che attendono la coppia e lo specialista nel programma di sostegno psicologico.

Il protocollo di intervento nei trattamenti per l’infertilità deve integrare le differenti professionalità che operano all’interno dei centri PMA al fine di curare la persona nella sua interezza: la legittimazione clinica da parte degli operatori rappresenta una condizione favorevole per l’accesso ai servizi psicologici.

I risultati della sperimentazione condotta confermano la necessità di un supporto psicologico in tutte le fasi del percorso, allo scopo di comprendere il disagio fisiologico e psicologico della coppia, individuare i bisogni e gli elementi di criticità, riconoscere la peculiarità dei vissuti e rafforzare le abilità per la tutela del benessere personale e del funzionamento coniugale.



Licenza di distribuzione:
Barbara Funaro
Psicologa Psicoterapeuta - Dr. Barbara Funaro Psicologa Psicoterapeuta Milano
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere