ARTE E CULTURA

RADICI, "Wurzeln" mostra d'arte alla Von Zeidler Art Gallery

January 11 2016
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Marta Von Zeidler apre la sua nuova Galleria d'arte con una mostra internazionale che coinvolge ben quattro nazionalità, Brasile, Germania, Francia e Italia.

Apre Venerdì 22 Gennaio 2016 con la mostra internazionale "Radici " la nuova Von Zeidler Art Gallery alle porte di Berlino con Marta von Zeidler, Olivia Carnevale, Vilson Souza e Erickson Britto dal Brasile, Bruno Di Martino dalla Francia, Claudio della Rocca, Franco Longhi e Alessandro Agosta dall’Italia e Gerd Schmitt dalla Germania.
All'inaugurazione interverrà anche il critico Alberto Moioli.
La Von Zeidler Art Gallery non apre solo una galleria d'arte rivolta alle varie espressioni d’arte visiva, ma un vero punto di riferimento dove promuovere il dialogo e lo scambio di conoscenze e idee.
Da una parte ci sono gli artisti con i loro differenti processi e linguaggi espressivi, dall’altro il pubblico interessato e coinvolto nel processo di formazione di nuovi sviluppi creativi.
La mostra che apre la stagione dellaVon Zeidler Art Gallery si intitola “Radici”, in portoghese “Raìzes”.
La collaborazione con altre galleria europee è alla base del grande progetto Von Zeidler, impostato per poter offrire agli artisti ulteriori opportunità espositive internazionali.
Questo scambio tra gallerie ha una diffusione sempre più ampia e diffusa in Europa. Un’idea che coinvolge anche la Von Zeidler Art Gallery di Berlino che esporterà presto anche i suoi progetti culturali e artistici oltre il proprio confine territoriale.
Con queste premesse la galleria ha annunciato l’evento “RADICI” invitando e selezionando alcuni artisti internazionali contemporanei provenienti da diverse nazioni. Un’occasione in cui saranno miscelati stili e tecniche diverse, una mostra nella quale tutti metteranno in campo il linguaggio artistico del proprio tempo.
L’importanza del saper padroneggiare le tecniche espressive seguono la forza innegabile dell’idea che spinge l’artista nella realizzazione delle opere esposte. E proprio da questo assunto la galleria propone l’apertura ad un dialogo fondato sulle idee prima ancora che sul linguaggio tecnico.
L’arte intesa dunque come una nuova idea di dialogo.
La mostra “Radici” apre idealmente l’ampio paesaggio culturale formato dalle molte forme espressive tenendo conto che prima d’essere “radice” l’arte era solo un seme. testo di Erikson Britto.



Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere