ARTE E CULTURA

Roma, Museo del Palazzo Massimo: Mostra del progetto Giovani Creativi

January 13 2020
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Fino al 31 gennaio 2020 i ritratti fotografici di dodici talenti italiani under 30

Roma, Museo del Palazzo Massimo: Mostra del progetto Giovani Creativi.
GIOVANI CREATIVI, le origini del Genio, mostra giunta alla sua seconda edizione, presenta i ritratti fotografici di dodici talenti italiani under 30, che si sono distinti per sensibilità comunicativa nelle loro categorie artistiche e professionali, còlti all’interno delle più importanti aree archeologiche di Roma. Federica Sofia Zambeletti / Kozarch (Architettura), Giovanni Vetere (Arte), Alain Parroni (Cinema), Burro Studio (Comunicazione Visiva), Michele Lazzarini (Cucina), Susanna Salvi (Danza), Antonio Facco (Design), Sofia Podestà (Fotografia), Davide Dattoli (Imprenditoria), Marzia Sicignano (Letteratura), Davide Gallo / PROGRAMMA (Moda), Yakamoto Kotzuga / Giacomo Mazzucato (Musica).
L’iniziativa, curata da Nicola Brucoli e Carlo Settimio Battisti, direttori di TWM Factory, è realizzata in collaborazione con il Mibact – Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo e con il Museo Nazionale Romano.
,

Dal 19 novembre 2019 al 31 gennaio 2020
: Roma, Museo nazionale romano - Palazzo Massimo
Orario: dalle ore 18.00 alle ore 23.00.
La mostra è gratuita all’interno della bigliettazione ordinaria di Palazzo Massimo che permette di accedere alla collezione del museo
Telefono: 06 68485171
E-mail: mn-rm.info@beniculturali.it






Museo nazionale romano - Palazzo Massimo.

Costruito tra il 1883 e il 1887 su progetto dell’architetto Camillo Pistrucci in un sobrio stile neorinascimentale, Palazzo Massimo alle Terme nacque come collegio dei padri gesuiti e conservò tale destinazione fino al 1960. Nel 1981 fu acquisito dallo Stato italiano, per divenire una delle sedi del Museo Nazionale Romano.

Le collezioni si distribuiscono nei quattro piani dell’edificio secondo un criterio cronologico e tematico: il pianterreno, il primo e il secondo piano sono dedicati alla sezione di arte antica; il piano interrato ospita le sezioni di numismatica e oreficeria.

Nell’esposizione del pianterreno si può seguire l’evoluzione del ritratto romano dall’epoca tardo-repubblicana fino agli inizi dell’impero, cui risalgono i ritratti della famiglia di Augusto e la statua dell’imperatore in veste di Pontefice Massimo.

Tra le opere originali greche importate a Roma spiccano la Niobide dagli Horti Sallustiani e la statua in bronzo del Pugile.

Il tema del ritratto prosegue al primo piano, dove è illustrato lo sviluppo dell’immagine imperiale dall’età flavia all’epoca tardoantica. Ampio spazio è dedicato alla scultura “ideale” raffigurante dèi e altri personaggi del mito. Tra i capolavori di statuaria che decoravano le residenze imperiali si segnalano la Fanciulla di Anzio e le copie romane di celebri opere greche: il Discobolo Lancellotti, l’Afrodite accovacciata e l’Ermafrodito dormiente. Notevoli sono le sculture in bronzo che decoravano le Navi di Nemi e il sarcofago di Portonaccio.

Al secondo piano affreschi, stucchi e mosaici documentano la decorazione di prestigiose residenze romane. Un suggestivo allestimento ricompone gli ambienti della Villa di Livia a Prima Porta e della Villa della Farnesina nelle loro dimensioni originali.

Infine, il piano interrato è dedicato al Medagliere del Museo Nazionale Romano, con un percorso scandito dalle tappe salienti della storia economica del nostro Paese. Il lusso e l’oreficeria sono documentati da sfarzosi corredi funerari, come quello della Bambina di Grottarossa, esposto accanto alla piccola mummia. Una selezione di oggetti legati agli usi e ai costumi dei Romani illustra i costi della vita quotidiana. I preziosi scettri presentati nella sala delle Insegne Imperiali arricchiscono il quadro dei “segni del potere” in epoca romana.

Licenza di distribuzione:
Maura Capanni
Corrispondente settore cultura - RETERICERCA
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere