HI-TECH

Un 2020 al buio per la FarmTech

May 13 2020
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Secondo uno studio di AgFunder gli investimenti in FarmTech nel 2019 hanno avuto una crescita esponenziale. Questo però non è assicurato per il 2020, anno in cui il Coronavirus sta facendo crollare tutte le certezze.

Che ci sia pioggia, sole o il Coronavirus, non c’è proprio modo di fermare le ricerche di AgFunder Research. Infatti, da qualche giorno, AgFunder ha pubblicato online il suo nuovo rapporto di investimento nella FarmTech 2020. Un’istantanea basata sui dati degli investimenti globali in startup che costruiscono tecnologie di Agricoltura di Precisione per l’azienda agricola.

Mentre le catene di approvvigionamento si stanno riducendo, e la crescente diffusione del termine “AgrifoodTech” nel settore dimostra che questo è vero, ci sono tendenze distinte, e talvolta fonti di capitale, per le tecnologie incentrate sugli agricoltori. Vediamo insieme un set di dati più ampio per dare una situazione più chiara.

Investimenti in FarmTech nel 2019

Gli investimenti in startup di FarmTech hanno fatto crollare i mercati globali del capitale di rischio in tutti i settori, aumentando del 6,8% anno su anno fino ad arrivare a 4,7 miliardi di dollari nel 2019; circa il 370% in più rispetto al 2013. Le startup FarmTech hanno raccolto tale somma in 695 operazioni con 940 investitori unici.

Data la ricaduta economica e sociale derivante dalla pandemia di Covid-19, il più ampio rallentamento dei finanziamenti potrebbe diventare una caduta libera. Quindi livelli di crescita simili non sono chiaramente sul tavolo quest’anno, scrive Louisa Burwood-Taylor, che dirige il gruppo di ricerca di Agfunder.

“La ricaduta economica della pandemia di Covid-19 avrà senza dubbio un impatto sulla crescita costante degli investimenti nelle tecnologie agricole: le indicazioni per i livelli di investimento nel primo trimestre del 2020 sono di circa $ 550 milioni, che è di gran lunga inferiore al miliardo raccolto nel primo trimestre dei passati due anni e diverse centinaia di migliaia in meno rispetto al primo trimestre del 2017”, si legge nel rapporto. “Mentre crediamo che gli investimenti nella FarmTech e in tutta la catena di approvvigionamento siano indispensabili per aiutare il sistema alimentare mondiale a riprendersi dall’impatto di Covid-19, è improbabile che un calo fondamentale dell’appetito per gli investimenti possa contrastare questa tendenza, sebbene offra grandi opportunità a coloro di noi stiano ancora investendo.”

2019 vs 2020

Per come sta andando il 2020, alcuni affari del 2019 sembrano insensati, mentre altri sembrano premonitori nel frattempo che la pandemia stringe le catene di approvvigionamento, blocca i consumatori, spaventa gli investitori e provoca un improvviso aumento del nazionalismo alimentare.

Una categoria che molti investitori potrebbero rivisitare con nuovo vigore alla luce del Covid-19 è ciò che viene chiamata “eGrocery Farm-to-Consumer“. Queste piattaforme online per gli agricoltori per vendere e consegnare i loro prodotti direttamente ai consumatori sono oggi più rilevanti che mai poiché i consumatori guardano ai sistemi alimentari locali per garantire il cibo senza la necessità di visitare un negozio di alimentari locale. Prima di questo, hanno rappresentato una porzione relativamente piccola del panorama della tecnologia agricola , raccogliendo 202 milioni di dollari nel 2019. Ma oggi sentiamo parlare di un numero crescente di agricoltori che costruiscono i propri canali di e-commerce che senza dubbio potrebbero trarre vantaggio dalla collaborazione con alcune delle startup esistenti che offrono soluzioni plug-and-play di e-commerce per gli agricoltori che non vogliono costruire un sito Web internamente.

La tecnologia più attiva

Inoltre, il rapporto rivela che Software di gestione aziendale, Sensori e Intenet delle Cose (IoT), sono rimasti la categoria più attiva nella tecnologia agricola per numero di operazioni concluse nel 2019. Probabilmente questa categoria ha spinto l’AgTech sotto i riflettori del capitale di rischio in primo luogo. La Climate Corporation, che la Monsanto ha acquistato per 1 miliardo di dollari nel 2013, rientra in questa categoria. Geograficamente, l’intera area era guidata dagli Stati Uniti. Ma il 2019 ha visto che mentre la tecnologia basata su sensori prolifera a livello globale, altri paesi stanno recuperando terreno. Ad esempio, circa il 28% delle operazioni nella categoria ha avuto luogo in Asia, la maggior parte delle quali in fase iniziale.

Meno sorprendentemente, l’AgBiotech ha avuto un anno magro nel 2019. La ricerca AgFunder mostra che l’attività commerciale è scesa del 22% su base annua mentre gli investimenti in dollari sono diminuiti del 33%. Di quelli che sono ancora andati avanti, l’editing genetico. Un insieme di tecniche messe in atto per modificare geneticamente gli alimenti. Esso è stato tra i più interessanti, nonostante un difficile ambiente normativo da navigare.

Distanza robo-sociale

Dove potrebbe esserci una tendenza al rialzo degli investimenti è l’agro-robotica. Gli investimenti nelle startup di robotica, meccanizzazione e attrezzature sono ancora sorprendentemente bassi, con molti investitori che offrono la scusa che l’hardware è difficile. Con 179 milioni di dollari in oltre 70 trattative, la categoria ha visto un calo del 46% nei finanziamenti rispetto a otto offerte in meno nel 2019 rispetto al 2018. Speriamo che questo possa cambiare, soprattutto perché le startup di robotica stanno ricevendo un rinnovato interesse da parte degli agricoltori a rischio di lavoro oggi nel scia della pandemia di Covid-19.

Il rapporto, ovviamente, esamina alcuni sistemi di agricoltura robotizzata sperimentali e traccia un anno abbastanza buono per l’allevamento degli insetti.

Dati Europei

I dati AgFunder mostrano un aumento del 23% del valore totale degli investimenti in tecnologia agricola lo scorso anno in Europa. A guidare la carica nel continente è stata la Francia, dove la quantità di capitale che confluiva nelle startup di tecnologia agricola è più che raddoppiata rispetto al 2018, a 346 milioni di dollari.



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere