TURISMO

I Giardini di Castel Trauttmansdorff “danno i numeri”

November 9 2018
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Il lavoro, i successi, le particolarità e le persone che tengono costantemente alto il livello di uno dei giardini botanici più belli al mondo

I Giardini di Castel Trauttmansdorff sono prossimi alla chiusura stagionale, prevista per il 15 novembre e in considerazione di ciò è interessante ragionare su questa immensa realtà analizzando i numeri che produce, per meglio comprendere la complessità del lavoro che richiede e i sorprendenti successi che continua ad ottenere.
12 sono gli ettari che misura la superficie totale dei Giardini di Castel Trauttmansdorff, disposti a forma di un anfiteatro naturale ed è di circa
100 metri il dislivello presente dal punto più in basso del Laghetto delle Ninfee fino al più alto del “Giardino degli Innamorati”, ad un’altitudine sul livello del mare di
334-438 metri che garantiscono una posizione panoramica unica dei Giardini, aprendo ad ogni passo affascinanti prospettive sulle montagne circostanti e sulla città di Merano, soprattutto dalle
2 piattaforme presenti: il Binocolo di Matteo Thun e la passerella di 15 metri sospesa nel vuoto oltre la Voliera.

7 km di percorsi e sentieri panoramici attraversano il giardino botanico di Merano accompagnando tutti i visitatori, anche quelli su passeggini o sedie a rotelle, negli oltre
80 paesaggi botanici con piante provenienti da tutti i continenti, riuniti in
4 aree tematiche che riassumono la struttura dei Giardini: Boschi del mondo, Giardini del Sole, Giardini Acquatici e Terrazzati e Paesaggi dell’Alto Adige. Questa immensa superficie verde, durante la stagione di apertura, viene costantemente manutenuta da circa
35 giardinieri, che lavorano alacremente per conservare intatto l’aspetto impeccabile dei Giardini e che ad ogni primavera piantano più di
150.000 bulbi e che annualmente si prendono cura di circa
5.800 specie e varietà di piante. Tra queste, un olivo di
700 anni, una collezione di salvia con
150 varietà da diversi continenti, la più grande d’Italia aperta al pubblico e un palmeto con 200 esemplari di palme cinesi.
Oltre ai giardinieri, dietro l’articolato meccanismo che muove i Giardini di Castel Trauttmansdorff, ci sono, nella stagione di apertura, oltre
100 dipendenti che si occupano dei servizi al pubblico.
10 sono i padiglioni artistici che contribuiscono a confermare l’immagine dei Giardini di Castel Trauttmansdorff come di un luogo multiculturale in cui convergono più discipline come arte, botanica, architettura, storia, zoologia, geologia e multisensoriale, perché attraverso le
15 stazioni sensoriali si possono vivere i Giardini con il gusto, l’olfatto, l’udito, il tatto, oltre che con la vista. Ad accompagnare i visitatori che lo desiderano nelle varie esperienze a tema e nei tanti percorsi dei Giardini sono a disposizione circa
24 guide, efficienti, preparate e coinvolgenti nel fornire informazioni in italiano, tedesco, inglese, francese e spagnolo. Gli ospiti dei Giardini hanno a disposizione circa
360 parcheggi, di cui 354 a pagamento per autovetture, 7 riservati ai disabili e 9 non a pagamento riservati ai bus.
Il successo di tutti questi numeri è comprovato dai
3 importanti riconoscimenti conseguiti dai Giardini di Castel Trauttmansdorff (International Garden of the Year nel 2013, Parco d’Europa n. 6 nel 2002 e Parco più Bello d’Italia nel 2005) e dai
400.000 visitatori che annualmente vi si recano in visita. Dall’apertura dei Giardini, avvenuta nel 2001, sono stati calcolati più di
6.000.000 di visitatori.

Per ulteriori informazioni: www.trauttmansdorff.it

Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere