ARTE E CULTURA

Nuova Esposizione della Galleria Vino&Arte de Il Borro Bacco e Venere: il ruolo femminile nella storia del Vino

April 12 2019
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

la Galleria Vino&Arte de Il Borro, tenuta nel cuore della Toscana di proprietà di Ferruccio Ferragamo dal 1993, apre le sue porte ai visitatori con una nuova mostra dal titolo evocativo “Bacco e Venere: il ruolo femminile nella storia del Vino”. Un percorso narrativo che si snoda tra le due figure mitologiche, considerate nella sfera amorosa l'una la cagione dell'altra. Fil rouge della mostra come sempre è la tematica del vino, considerato preludio d’amore.

la Galleria Vino&Arte de Il Borro, tenuta nel cuore della Toscana di proprietà di Ferruccio Ferragamo dal 1993, apre le sue porte ai visitatori con una nuova mostra dal titolo evocativo “Bacco e Venere: il ruolo femminile nella storia del Vino”. Un percorso narrativo che si snoda tra le due figure mitologiche, considerate nella sfera amorosa l'una la cagione dell'altra.
Fil rouge della mostra come sempre è la tematica del vino, considerato preludio d’amore.

L'attenzione di Ferruccio Ferragamo per l'arte è ormai nota da tempo e ne è espressione la stessa Galleria Vino&Arte, che da oltre un decennio espone la sua collezione privata di incisioni, con un susseguirsi di nuove mostre.

Ruolo chiave del nuovo percorso espositivo è la figura della donna, che incarna personalità sempre diverse a seconda della situazione. La storia dell'arte permette infatti di osservare come il ruolo femminile non si limiti ad un passivo utilizzo del vino, ma mostri come spesso invece le donne conducono e dirigono gran parte di quelle attività dove questa bevanda è protagonista. Esse sono lo spirito di quelle occasioni di svago domestico che non sarebbe tale senza la presenza del vino sulla tavola; all'occorrenza sono però anche coloro che rimediano ad ebbrezze eccessive e, al termine della festa, rassettano e riportano la casa all'ordine.
Regine della casa, ma anche instancabili lavoratrici nei campi, partecipano attivamente a tutte le fasi della lavorazione del vino, dalla vendemmia alla vendita nelle fiere di paese o nei mercati.
La storia del vino intreccia però tanto da vicino le vicende dell'umanità, che nonostante le implicazioni con la religiosità greca e romana, trascende il paganesimo per divenire elemento fondante anche del culto cristiano. Il vino è infatti parte essenziale nel rito sacro della Santa Messa, per celebrare l'Ultima Cena. Ed ancora una volta attraverso la lente dell'arte vediamo le figure femminili che dal Vecchio al Nuovo Testamento hanno intrecciato le loro vicende con la storia del vino e la sua simbologia, partendo dalla più importante, la Vergine Maria.

Il percorso della mostra si snoda in 10 differenti sezioni (La Baccante - Ebe, la coppiera degli dei
La coppiera degli uomini - Arianna, l'amante del vino - Il vino e gli amanti - Il vino e gli amanti - Lo spirito del focolare - Governare gli spiriti - La vite è donna - Spiriti liberi) soffermandosi ogni volta sul ruolo femminile nella storia vinicola, attraverso la celebrazione che di entrambi ha fatto l'arte, presentando un nuovo punto di vista per ricostruire lo stretto legame che unisce la storia dell'uomo a quella che, altrimenti, potremmo considerare solo come una semplice bevanda.

La mostra Bacco e Venere viene ospitata all’interno della Galleria Vino&Arte de Il Borro da domenica 25 Marzo 2019, visitabile tutti i giorni su prenotazione (winetour@ilborro.it | +39.055.977053). La visita alla galleria Vino&Arte prosegue nelle cantine sottostanti con la degustazione dei vini de Il Borro.







NOTE STAMPA

Il Borro, la tenuta dal 1993 di proprietà di Ferruccio Ferragamo in cui sono impegnati il figlio Salvatore Ferragamo (oggi AD de Il Borro) e la figlia Vittoria (responsabile dell’orto biologico e dei progetti speciali), si estende nel bacino del Valdarno Superiore su di una superficie di settecento ettari i immersi nel cuore della To scana.
La Tenuta, fortemente vocata al rispetto dell’ambiente e dell’ecosistema e interamente biologica dal 20 1 5, fa parte della prestigiosa Associazione Relais & Châteaux e comprende: un borgo medievale interamente restaurato che ospita al suo interno 38 eleganti e raffinate suite; due lussuose ville - La Dimora Il Borro e Villa Casetta - e le 18 suite de Le Aie del Borro ideali per famiglie e gruppi di amici e disponibili da giugno 2019. Alle soluzioni Relais & Châteaux si aggiungono “I Borrigiani”, cinque casali gestiti con la formula dell’agriturismo. E ancora, due ristoranti: l’Osteria del Borro e Il Borro Tuscan Bistro, sotto la guida dell’executive chef Andrea Campani; la Spa e la Galleria Vino& Arte.
A Il Borro troviamo inoltre una cantina e 45 ettari di vigneti dai quali si producono i pregiati vini della tenuta (12 etichette di cui 10 interamente biologiche); 40 ettari di uliveti destinati alla produzione di un eccellente olio extra vergine d’oliva; un orto biologico e 30 arnie da cui si ottiene miele biologico di differenti varietà.


Relais & Châteaux, Fondata nel 1954, Relais & Châteaux è una Associazione di 560 hotel di charme e ristoranti d’eccezione, gestiti da proprietari, Maîtres de Maison e Chef indipendenti, che condividono la passione per il proprio lavoro, animati dal desiderio di stabilire legami autentici con i propri ospiti. Presente in tutto il mondo, dai vigneti della Napa Valley alla Provenza, passando per le spiagge dell’Oceano Indiano, la collezione di dimore Relais & Châteaux è un invito a scoprire l’art de vivre che caratterizza la cultura di ogni luogo e a condividere un viaggio alle radici di storie umane uniche. Gli associati Relais & Châteaux sono uniti dal desiderio di tutelare, mantenere vive e valorizzare la ricchezza e la diversità delle cucine e delle tradizioni dell’ospitalità in tutto il mondo. Nel novembre del 2014 Relais & Châteaux ha presentato all’UNESCO un Manifesto che sancisce questa volontà e l’impegno a preservare il patrimonio locale e ambientale. www.relaischateaux.com



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere