GASTRONOMIA

Panettieri alla riscossa "Le vere star non sono chef e pasticceri ma i maestri dell'"arte bianca"

February 19 2020
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Cesare Marinoni fonda l'Associazione Fornai Milano per restituire prestigio alla categoria www.marinoni.com https://www.facebook.com/cesareandrea.marinoni

Lo storico panificatore lombardo Cesare Marinoni, 54 anni, annuncia la nascita dell'Associazione Fornai Milano, organizzazione indipendente di categoria che già vede 160 iscritti tra città, provincia, regione e Paese.

A Milano i panificatori sono circa 500 considerando anche i punti vendita con annessi bar e pasticceria.

Marinoni, fondatore della nuova istituzione, ne è anche il Presidente; copresidenti sono i panificatori Luca Piantanida di Coggiola (Biella) e Milena Pizzocchero di Milano, che hanno contribuito alla nascita dell'ente insieme con altri 7 colleghi di diversa provenienza.

Spiega Marinoni, figlio del celeberrimo Antonio, che ricoprì tutte le maggiori cariche direttive fino a diventare Presidente mondiale dei panificatori: "Non ci sentiamo più tutelati e vogliamo che la figura del maestro dell'arte bianca ritrovi tutto il riconoscimento sociale che merita".

Missione di Associazione Fornai Milano è dunque restituire prestigio all'arte panaria in tutte le sue declinazioni: dalla panificazione, alla pasticceria, alla pasta fresca attraverso il sostegno della formazione specifica e di un'adeguata identificazione culturale, sociale e legislativa.

Continua Marinoni: "L'immagine pubblica del panificatore oggi è molto cambiata. Da una parte ha perso autenticità, basta pensare che al 'prestin' di manzoniana memoria, si è sostituita l'esotica insegna delle 'bakery'; dall'altra, è quella del comico di Zelig in brache corte e maglietta smanicata, che nulla ha a che fare con i fornai, veri e propri imprenditori. Nel frattempo, invece cuochi e pasticceri sono le nuove star della tv. Pochi sanno, però, che prima si diventa maestri dell''arte bianca' poi pasticceri. Infatti, se non sai lavorare il lievito madre, non sai fare nemmeno i grandi lievitati come per esempio la colomba. Non a caso, il campione mondiale del panettone è un fornaio. Insomma, la professionalità panaria è sempre più importante, ma non è più apprezzata e noi ci impegneremo per riportarla alla giusta considerazione. E' stata abbandonata a se stessa, sorpassata dall'industria, dal mondo del surgelato e del precotto; si deve considerare invece che è l'artigianato lo scrigno di questo sapere, tra i più antichi del mondo, e come tale dovrebbe essere protetto dallo Stato".

L'Associazione Fornai Milano si pone quindi l'obiettivo di riaprire scuole di panificazione, attività che oggi viene insegnata come materia nell'ambito dei corsi di pasticceria e cucina.
Inoltre, si batterà per i panificatori che operano in particolari contesti sociali. Nella profonda provincia italiana, il ruolo del panettiere è anche umano: nei paesini, se chiude il panettiere, sparisce l'identità stessa del borgo, perché è nella sua bottega che la gente si ritrova; il panettiere è un amico che non ti lascia mai solo e va a consegnare a mano il pane nelle case di anziani, disabili e mamme in difficoltà.
In tali contesti, "non ha senso per esempio che il panettiere sia obbligato a sostenere la spesa di un pos perchè tutti pagano in contanti".

In programma, infine, la revisione delle norme sulle etichette. Il focus è sul Decreto Interministeriale n. 131 del 1° ottobre 2018 “Regolamento recante disciplina della denominazione di “panificio”, di “pane fresco” e dell’adozione della dicitura di “pane conservato”. In base a tale normativa, non puoi scrivere 'Pane fresco' se non è prodotto nelle 24 ore, ma puoi scrivere 'Pane caldo', che nella testa dei consumatori significa comunque fresco, ma per la legge il pane potrebbe anche essere stato surgelato un anno prima. Il decreto insomma non è bastato a tutelare la produzione e il consumo del prodotto realmente appena sfornato.
Conclude Marinoni: " Noi puntiamo a riaccendere i riflettori sul mestiere del panettiere in tutta la sua peculiare valenza tecnica, culturale e imprenditoriale, perché non si disperda e possa anzi diventare uno sbocco lavorativo ricco di emozioni e soddisfazioni per molti giovani. E ci rendiamo disponibili fin da ora a una tavola rotonda aperta al pubblico con le altre associazioni di categoria che vogliano spiegare che cosa è stato fatto finora e cosa intendono fare per il futuro“.




Licenza di distribuzione:
Mariella Belloni
Vicecaporedattore - Marketing Journal
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere