SOCIETA

Riparte il mercato delle auto usate online durante la Fase 2

June 1 2020
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Osservatorio brumbrum: numeri e tendenze nell’acquisto online di auto usate durante l’emergenza COVID-19

È cominciata la Fase 2 nel nostro Paese, chiamato alla rinascita dopo un periodo di forte criticità a causa della diffusione del Coronavirus. Sono state numerose le contromisure attuate nell’ultimo periodo dal Governo per contenere il rischio di contagio, a beneficio di tutti noi. Queste limitazioni però hanno avuto delle conseguenze e ogni settore produttivo ha affrontato una grave crisi dovuta alla gestione della pan-demia. Il mondo dell’auto è tra questi. Ma dopo settimane di buio totale, negli ultimi giorni si è iniziata a vedere la luce in fondo al tunnel.
brumbrum, il primo rivenditore diretto di auto online d’Italia che opera sul sito www.brumbrum.it, ha ef-fettuato una ricerca sul momento attuale del mercato delle auto usate, avvalendosi dei dati raccolti dall’Osservatorio brumbrum, il proprio Osservatorio di rilevazioni e indagini statistiche online in ambito automotive. Per questa analisi brumbrum ha preso in considerazione il numero di vetture messe in vendi-ta e acquistate online in tutta Italia nel periodo precedente alla diffusione del COVID-19 e nelle settimane successive.

Riprende a correre il mercato delle auto usate

L’emergenza Coronavirus ha drasticamente cambiato le nostre priorità: l’interesse d’acquisto degli italiani si è spostato sui cosiddetti beni di prima necessità a scapito di molti settori, tra cui quello automotive, che ha sofferto particolarmente le misure di contenimento. Negli ultimi giorni però, soprattutto con l’inizio della Fase 2 e con la riapertura delle concessionarie, si sono visti segnali di ripresa.




Nonostante il primo focolaio in Nord Italia sia stato registrato il 21 febbraio, fino all’8 marzo (data del pri-mo decreto che prevedeva la chiusura della Lombardia) il mercato ha retto l’urto del Coronavirus, con dati di vendita in linea con il periodo. Il D.P.C.M. entrato in vigore l’11 marzo, che ha vietato ogni spostamento di persone fisiche dai territori di residenza e ha chiuso la quasi totalità di industrie e aziende, ha portato al crollo drastico delle vendite, che sono arrivate a toccare uno spaventoso -62% nella parte centrale di mar-zo rispetto alla media di gennaio. Dall’inizio di maggio invece è iniziata una timida ripresa del mercato, culminato in un più che positivo -14% di due settimane fa, confermato dal -13% degli ultimi sette giorni. Siamo quindi ancora sotto la media pre-COVID, ma il segnale che arriva dal mercato è comunque incorag-giante.

Quasi tornato ai valori di gennaio lo stock di auto usate

La paralisi quasi totale dell’usato in rete ha sofferto particolarmente dei problemi di approvvigionamento di vetture. Anche qui dopo il D.P.C.M c’è stato il rapido crollo, il fondo è stato toccato verso la fine di mar-zo. Tra aprile e maggio però si è registrato una timida risalita con il -45%, in controtendenza rispetto alle settimane precedenti, confermato da un grandioso -3% di due settimane fa. Negli ultimi giorni invece c’è stato un calo del 7%, segno che il mercato rimane incerto, anche se i dati sono di gran lunga migliori rispet-to a marzo e aprile.



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere