SALUTE e MEDICINA

Women for Oncology Italy: finalmente la legge sulla parità retributiva è realtà. Da anni l’associazione guidata dalla Presidente Rossana Berardi si batte contro le discriminazioni di genere

December 9 2021
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

l 3 dicembre è entrato in vigore in Italia la nuova legge sulla parità retributiva tra uomo e donna. Un grande passo che le lavoratrici aspettavano da tempo. Il nostro Paese purtroppo è ancora molto indietro per quanto riguarda la questione del gender gap e bisogna velocemente fare dei passi da gigante per non rimanere indietro.

Il 3 dicembre è entrato in vigore in Italia la nuova legge sulla parità retributiva tra uomo e donna. Un grande passo che le lavoratrici aspettavano da tempo. Il nostro Paese purtroppo è ancora molto indietro per quanto riguarda la questione del gender gap e bisogna velocemente fare dei passi da gigante per non rimanere indietro.

Women for Oncology Italy, plaudendo a questo importante momento, vuole ricordare che la pandemia da Covid ha penalizzato fortemente il mercato del lavoro femminile e che bisogna agire subito per cambiare la situazione, mettendo in atto situazioni concrete che invertano la marcia. È ormai assodato che la parità di genere faccia crescere il PIL nei Paesi che la mettono in pratica, anche perché le imprese che la applicano sono più competitive. Per questo motivo le professioniste di Women for Oncology Italy continueranno a contribuire a questa rivoluzione culturale, mettendo in atto iniziative che supportino le Donne e le Istituzioni.

Soddisfatta Rossana Berardi, Presidente dell’Associazione Women for Oncology Italy, Professore Ordinario di Oncologia dell’Università Politecnica delle Marche e Direttore della Clinica Oncologica Azienda Ospedaliero Universitaria Ospedali Riuniti di Ancona: “Il sì alla legge sulla parità salariale è una conquista importante per combattere le discriminazioni di genere. Il gap salariale tra uomo e donna non è giusto e non è accettabile e finalmente, dopo troppo tempo, le cose hanno iniziato a muoversi. Retribuzioni, reclutamento e opportunità di carriera devono poter essere uguali, indipendentemente dal proprio sesso e le donne che chiedono di lavorare, devono avere l’opportunità di potersi realizzare su tutti i piani, senza essere costrette a scegliere tra la famiglia e la realizzazione lavorativa. Noi da anni, come Associazione, siamo in prima linea nella lotta contro ogni forma di mancanza di equità, tra cui il gender gap, e continueremo a lavorare in questa direzione”.

Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere