SOCIETA

Almaviva. SLC CGL: Accordo difensivo. Ma sono stati evitati i licenziamenti.

April 9 2015
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Almaviva. SLC CGL: Accordo difensivo. Ma sono stati evitati i licenziamenti. Ora subito la ricerca di una nuova sede per il call center di  Palermo”

SLC CGIL
PALERMO
 
COMUNICATO STAMPA

 Palermo 8 aprile 2015 – “E’ un accordo difensivo ma non abbiamo perso nessun posto di lavoro. In un momento così difficile per il mercato e con la crisi del settore la trattativa, lunghissima ed estenuante,  ha scongiurato i licenziamenti. Zero esuberi rispetto ai 2mila che erano stati  annunciati. In cambio è  aumentata la flessibilità ed è aumentato l’ammortizzatore sociale, con i contratti di solidarietà che passano per le sedi di Palermo e Roma al 45 per cento di picco massimo, con una media a  conguaglio al 25 per cento”. A dichiararlo sono il segretario della Slc Cgil di Palermo Maurizio Rosso e la rappresentante Slc di Palermo Rosalba Vella.

    Al tavolo dell’accordo, siglato a Roma fra Almaviva Contact  e i sindacati Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil e Ugl Telecomunicazione, dopo 30 ore di trattative, erano presenti anche le Rsu Slc Cgil al completo di Almaviva:  Massimiliano Fiduccia, Alice Corso, Gianluca Pattavina, Emiliano Cammarata. L’accordo, che – un’altra delle novità introdotte - sarà gestito a livello territoriale,  parte dal primo giugno 2015 fino al 31 maggio 2016.  

Tra le altre   novità:  la revoca dei contratti di solidarietà può essere disposta  24 ore prima, soprattutto su base volontaria, e  non più con  48 ore di preavviso. “Il  fatto più importante – continuano Rosso e Vella - è l’impegno strappato per una discussione sul sito di  Palermo che, partendo dalla ricerca di una nuova  sede, mantenga i livelli occupazionali attuali. Sulla sede di Palermo prestissimo in presenza delle istituzioni  politiche regionali e nazionali si aprirà una discussione”.

 E aggiunge Maurizio Rosso: “Siamo però preoccupati perché oggi bisogna non più  ragionare sulla crisi del settore ma portare avanti un’idea nuova di sviluppo per questa industria dei servizi tanto importante  in Italia e soprattutto a Palermo. Richiamiamo l’azienda alla sua responsabilità e a ricercare  un rapporto costruttivo e più simbiotico con le istituzioni politiche perché da oggi si aprano  nuove prospettive per questi lavoratori, indispensabili per l’industria dei servizi e per la crescita della città”.



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Tonya Puleo
SEO specialist e Webmarketer - DadoNet snc
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere