SOCIETA

Cosmobserver intervista l'esperto di inquinamento luminoso Fabio Falchi

November 27 2017
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Il primo autore dell’Atlante Mondiale dell’Inquinamento Luminoso intervistato dal divulgatore Emmanuele Macaluso per “Cosmobserver”

Fabio Falchi è uno dei massimi esperti mondiali di inquinamento luminoso. È il primo autore dell’Atlante Mondiale dell’Inquinamento Luminoso (pubblicato sulla rivista scientifica “Science Advances” nel giugno 2016), ricercatore presso l’ISTIL (Light Pollution Science e Technology Institute) ed è il presidente di CieloBuio – Coordinamento per la protezione del cielo notturno.

È un pomeriggio di metà novembre, quando incontriamo Fabio Falchi presso l’Osservatorio Astronomico di San Benedetto Po in provincia di Mantova. Dopo le presentazioni, non abbiamo iniziato subito l’intervista come da prassi, ma è iniziato un confronto sul tema dell’inquinamento luminoso e sulla divulgazione di massa di questo problema. Un confronto che non solo ha riscontrato una “visione comune” del tema, ma ha messo in evidenza la grande passione, la competenza tecnica e la determinazione di Falchi.
Una competenza sviluppata in più di 35 anni, grazie - anche - alla collaborazione con un team di esperti e scienziati che ha preso forma a livello globale.

La prima domanda è d’obbligo: Quando è iniziato il tuo interesse per l’inquinamento luminoso?


Era il 1981, avevo letto un articolo di Piero Bianucci sulla testata “L’Astronomia”. Bianucci trattava il tema dell’inquinamento luminoso relativamente ad una ricerca della Specola Vaticana per l’individuazione di un luogo per il posizionamento del grande telescopio italiano che è stato successivamente costruito alle Canarie.
Allora ero già un astrofilo, e la mia passione per il cielo mi metteva di fronte a questo problema. Con l’andare avanti del tempo tuttavia, ed entrando più a fondo nel problema e nella sua evoluzione, mi sono reso conto che l’aspetto astronomico andava in secondo piano rispetto ad altre questioni come le ricadute sulla salute e sull’ambiente.
Mi è stato chiaro fin da subito che alla mia generazione veniva preclusa la possibilità di vedere lo stesso cielo stellato che vedevano i nostri nonni. Eppure il contatto con il cielo è estremamente importante.
Mi viene in mente un aneddoto, secondo il quale, alcuni soldati americani impiegati in Afghanistan, guardando il cielo si sentivano più vicini a casa, perché riconoscevano le stesse costellazioni che potevano vedere anche dagli Stati Uniti. Evidentemente in patria avevano la fortuna di vivere in aree non inquinate.

Parlaci dell’Atlante Mondiale dell’Inquinamento Luminoso

È stato un lavoro di squadra. Avevamo già lavorato ad una prima versione dell’Atlante nel 2001. Oltre a me, in quel progetto erano impegnati Pierantonio Cinzano e Chris Elvidge del NOOA.

L’Atlante voleva essere innovativo rispetto ai lavori precedenti. Invece di analizzare ed elaborare le “mappe da abitanti” che contengono i “dati di popolazione” delle aree abbiamo voluto lavorare sui “dati da satellite”.
Il lavoro ovviamente è iniziato prima del 2001. Era infatti il 1996 quando, lavorando alla mia tesi di fisica, e volendo fare delle mappe sull’inquinamento luminoso contattai Chris Elvidge. Siamo riusciti ad utilizzare i dati dei satelliti metereologici militari del DMSP (Defense Meteorological Satellite Program). Questo programma satellitare esiste dalla fine degli anni ’60. I satelliti vengono spesso aggiornati o sostituiti con strumenti di bordo che hanno una sensibilità sempre maggiore.
Ovviamente l’Atlante non è semplicemente un insieme di foto scattate da satellite, è diverso, rappresenta infatti una sofisticata elaborazione che tiene conto di come si propaga e come si diffonde la luce nella nostra atmosfera. “Per ogni pixel, quindi per ogni sito sul pianeta, andiamo a valutare tutti i contributi alla luminosità del cielo in quel sito dovuti alle luci artificiali nel raggio di 210 km”.

Ora, per chi non si occupa di informatica sicuramente non sarà facile comprendere fino in fondo questo dato. Per renderlo più comprensibile basti pensare che 40 computer hanno lavorato per settimane ininterrottamente al fine di ottenere la mappa dell’inquinamento luminoso che vediamo nell’Atlante.

Dopo il 2001 vi fu l’intenzione di produrre un secondo Atlante. Per diverse ragioni non siamo riusciti a farlo in tempi rapidi. Ci fu una versione intermedia del 2013, ma abbiamo preferito aspettare i dati del sensore VIIRS montato a bordo del SUOMI NPP (National Polar-Orbiting Partnership) che è stato lanciato nel dicembre 2012. Abbiamo atteso i dati e li abbiamo elaborati nella primavera 2015.
La prima “uscita pubblica” del nuovo Atlante è avvenuta attraverso una mia presentazione alla General Assembly dell’International Astronomical Union (IAU) che si è svolta ad Honolulu (Isole Hawaii).
L’Atlante è stato poi pubblicato su “Science Advance” nel giugno 2016 ed è disponibile a questo link http://advances.sciencemag.org/content/2/6/e1600377.
L’Atlante ha suscitato un grande interesse dal punto di vista mediatico, così come certificato da “Altimetric” nella sua Top 100 del 2016. (1)
Una cosa che mi piace sottolineare, è che tutto il team italiano di questo progetto (Falchi, Cinzano e Furgoni ndr) è composto da volontari.

Parlaci della pubblicazione su “Science Advance”

Nel dicembre 2015 proponemmo la pubblicazione secondo le procedure a “Nature” e aspettammo una risposta. Nell’ambito delle riviste scientifiche è previsto che non si possano fare “invii in contemporanea” e quindi attendemmo. Ottenemmo una risposta da parte di “Nature” dove ci veniva consigliato di proporlo ad un’altra rivista dello stesso gruppo che è “Nature Communication”.
Sottoponemmo quindi il lavoro a “Science”, pubblicata dall’American Association for the Advancement of Science, e dopo circa un mese, ricevemmo una risposta nella quale ci consigliavano una pubblicazione su “Science Advances”. Optammo per questa strada e l’Atlante Mondiale dell’Inquinamento Luminoso venne pubblicato su “Science Advances” nel giugno del 2016.

Quali sono i prossimi obiettivi del lavoro della tua squadra e di CieloBuio?

Dobbiamo dividere gli obiettivi in 2 grandi aree: obiettivi scientifici e obiettivi politici e normativi.

Obiettivi scientifici: Stiamo lavorando ad una versione dell’Atlante più approfondita dal punto di vista statistico, perfezionando le mappe a livello regionale e provinciale per l’Europa e a livello di stati e contee per gli USA. Vorremmo pubblicare un nuova versione dell’Atlante - con una serie di innovazioni che stiamo sviluppando - verosimilmente tra il 2019 e il 2020. (2)

Obiettivi politici e normativi: Bisogna dare merito a CieloBuio se noi in Italia siamo quelli più all’avanguardia a livello di norme regionali, ma c’è ancora molto da fare ovviamente. Non esiste de facto una normativa a livello nazionale in Italia, e quindi siamo costretti a lavorare “su più tavoli” a livello regionale. Ovviamente le normative vigenti sono estremamente restrittive secondo coloro che inquinano, e troppo blande per chi si interessa alle ricadute dell’inquinamento luminoso sulla salute e l’ambiente. E’ sotto gli occhi di tutti, letteralmente, il peggioramento della situazione negli anni, a conferma della necessità di rendere ancora più efficaci le leggi per il controllo del fenomeno.
In tutte le leggi c’è un paradosso di fondo, perché si è riusciti a raggiungere dei parametri corretti a livello di singolo impianto, tuttavia non vi è un limite massimo al numero degli impianti che si possono installare. Come si può facilmente comprendere, questo rende inadeguata la normativa nella sua finalità di riduzione del fenomeno.

Dal punto di vista normativo, siamo allarmati da alcuni parametri indicati dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Patrimonio e del Mare attraverso i CAM pubblicati lo scorso mese di ottobre.
I CAM sono i Criteri Ambientali Minimi indicati dal Ministero competente. Quelli di ottobre rappresentano la seconda versione, la prima era del 2013. Come CieloBuio siamo stati invitati al tavolo di lavoro per dare il nostro contributo, ma siamo stati inascoltati.

In quella sede abbiamo indicato due parametri:
- Il primo era la “schermatura totale” degli impianti per cercare di limitare l’inquinamento verso l’alto. All’interno del CAM si danno parametri di schermatura parziali che sono meno efficaci di molte leggi regionali attualmente vigenti.
- La seconda era la “limitazione sostanziale delle emissioni nella parte blu dello spettro”, che sono quelle che si diffondono maggiormente nell’atmosfera, hanno una diffusione fastidiosa all’interno dell’occhio e sono i più dannosi per la salute. (3)

La ricerca dell’efficienza come unico obiettivo porta a conseguenze ambientali negative in quasi tutti i parametri. Per fare un paragone, potremmo prendere in considerazione un’auto alla quale togliamo tutti i sistemi di protezione ambientale, come i filtri presenti nel tubo discarico. L’auto percorrerebbe molti più chilometri con un litro, sarebbe più efficiente quindi, ma cosa succede all’inquinamento atmosferico nelle nostre città? Voi rimarreste accanto ad un’auto rumorosa con i gas di scarico che in pratica escono direttamente dal motore senza alcun filtro?

Quando salutiamo Fabio Falchi è ormai buio e alzando gli occhi al cielo, nel cortile dell’Osservatorio Astronomico di San Benedetto Po, in piena campagna, intravvediamo la Via Lattea, ma non riusciamo a vederla in modo definito. Abbassiamo lo sguardo e guardiamo Fabio Falchi certi che andrà avanti nelle sue attività scientifiche e divulgative. Noi di Cosmobserver ne daremo notizia.

Di seguito i contatti di CieloBuio - Coordinamento per la protezione del cielo notturno
Web: www.cielobuio.org


Emmanuele Macaluso


NOTE:
(1) “Altimetric” indica l’articolo di “Science Advances” dedicato all’Atlante Mondiale dell’Inquinamento Luminoso al decimo posto nella sua Top 100 del 2016, al terzo nelle scienze fisiche e primo tra i lavori guidati da italiani. L’articolo è stato ripreso più di 400 volte tra articoli, servizi radio e TV in tutto il mondo. Dati consultabili al link https://www.altmetric.com/top100/2016/
(2) Ne daremo notizia approfondita al momento dell’uscita.
(3) Consigliamo di leggere il paragrafo relativo alla salute dell’articolo “Inquinamento luminoso: Analisi di un problema globale” a questo link http://thecosmobserver.blogspot.it/2017/06/inquinamento-luminoso-analisi-di-un.html



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere