SOCIETA

Costituzione e diritti: vi siete dimenticati qualche articolo

April 15 2019
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Analisi dei fatti, oggi sotto gli occhi di tutti. Appello a tutti i politici italiani

Art. 1
L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.

Art. 2 La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo, sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l'adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale.

Art. 3 Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e la uguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

Art. 4 La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto. Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, una attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società.

Senza questi primi quattro articoli della Costituzione Italiana, costata il sangue di molti, decadono di fatto, i diritti fondamentali dell'uomo, quelli che dovrebbero essere inviolabili e di cui qualsiasi Governo in carica dovrebbe occuparsi con assoluto impegno, garantendoli ai propri cittadini.

Il reddito di cittadinanza è una toppa in un vestito vecchio, certamente di grande utilità nell'immediato, ma destinato a non risolvere il problema.
Senza lavoro si apriranno altri buchi, e tutto questo è semplicemente prevedibile.

Chi non lavora non può e non potrà pagare le tasse e presto assisteremo al tracollo definitivo.
Occuparsi di garantire lavoro e reddito al popolo, è fondamentale, oltre che saggio.

Uscire dall' Europa, dimostratesi fallimentare da ogni punto di vista, lo è altrettanto.

Follia non è uscire da un tunnel, ma rimanerci, prima che il tunnel diventi senza uscita.
Smettiamola di urlare "più Europa" e cominciamo a gridare a squarcia gola "Italia"!

Turismo, agricoltura, edilizia, artigianato...noi eccelliamo in tutto.
Queste sono le considerazioni di semplice italiano, uno di quelli che ama la propria terra ed i propri fratelli.
Queste sono le considerazioni di un uomo stanco di vedere i propri compatrioti arrovellarsi per arrivare a fine mese o inventarsi la giornata.

L'Italia ha bisogno di amore e dedizione.
L'Italia ha bisogno di veri patrioti, pronti a difenderla in tutto e da tutti.

Se fare politica è il vostro mestiere, bene, allora fatelo!
Ci sono milioni di vite in ballo.

Esistono soluzioni urgenti, elementari ed attuabili nell'immediato per risolvere la crisi occupazionale.
Eliminate la burocrazia che sta soffocando la nostra grande nazione e passate direttamente all'azione.

L'imperativo è: ora !

Licenza di distribuzione:
Ivan Venerucci
Presidente - Società Spaziale Russa in Italia
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere