SOCIETA

Comunicazione sociale circolare, quanto conosci chi lavora per te?

January 25 2021
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Solo attraverso un’attenta analisi delle persone che compongono la realtà aziendale, si possono attivare quei processi volti a rendere efficiente e profittevole le attività aziendali.

La comunicazione interna ed esterna all’azienda gioca un ruolo fondamentale per lo sviluppo del business aziendale ed è da sempre oggetto di approfondite analisi. Vorrei concentrare oggi la vostra attenzione sul ruolo sociale che riveste la comunicazione aziendale. Estendiamo quindi il concetto di comunicazione verticale, ovvero quella attraverso la quale il management aziendale informa e condivide gli obiettivi di risultato da raggiungere o informa e fornisce istruzioni operative sulle tecniche produttive e sulle misure di sicurezza aziendali, alla comunicazione che io definisco comunicazione sociale circolare.

Con il termine comunicazione sociale circolare intendo definire quel processo di raccolta di informazioni volto a fornire al management tutte le indicazioni necessarie al raggiungimento degli obiettivi sociali di secondo livello che lo stesso si è preposto e condiviso con tutti gli attori aziendali. Alla comune classificazione degli obiettivi che conosciamo:

• obiettivi comunicazionali ovvero i traguardi della diffusione dell’identità aziendale;

• obiettivi commerciali ovvero i traguardi in termini di fatturato e profitto;

• obiettivi sociali ovvero il ruolo che l’azienda vuole ricoprire all’interno di un determinato contesto economico;

aggiungo i seguenti:

• obiettivi sociali di secondo livello ovvero il ruolo che l’azienda, intesa come insieme integrato di presone, vuole ricoprire per i suoi componenti stessi.

Raccogliere informazioni

Ecco che diventa basilare costruire un processo di comunicazione volto non a impartire, ma a raccogliere informazioni. Il Management è chiamato a fissare nuovi obiettivi di soddisfazione dei propri collaboratori, partendo dalla raccolta degli indicatori dei bisogni degli stessi. Questo processo attiva tutta una serie di sotto-processi indiretti che, partendo dall’analisi dei bisogni dei singoli, si attivano per aumentare il grado di motivazione e soddisfazione di ogni singolo collaboratore aziendale.

Conoscere chi lavora con voi

Il mondo della comunicazione, soprattutto negli ultimi tempi, è molto spesso rivolto all’esterno della realtà aziendale. È rivolto a comunicare con clienti attraverso politiche commerciali sui canonici canali video, stampa, internet e oggi sempre più spesso sui social. È rivolto a comunicare con i propri fornitori attraverso canali diversi quali mail e video-call. Oggi molte aziende hanno provato e scoperto la modalità di comunicare anche con i propri collaboratori in video-call. Quello che poche, pochissime aziende fanno, però, è conoscere i propri collaboratori. Non conoscono le situazioni personali e familiari, non ne conoscono spesso le reali potenzialità e attitudini, né i desideri e le preoccupazioni.

Analisi della persona

Scopo della comunicazione sociale circolare è dare risposta ai quesiti sopra riportati. Solo attraverso un’attenta analisi delle persone che compongono la realtà aziendale, si possono attivare quei processi volti a rendere efficiente e profittevole le attività aziendali. L’azienda deve rappresentare per i nostri collaboratori un punto di riferimento: dev’essere un valore insostituibile, non unicamente lo strumento per portare a casa un reddito.

Contributo per secsolition magazine a cura di Giuseppe Ligotti - Consulente in gestione HR Profittevole, Presidente di Federlavoro Varese



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere