SOCIETA

“Tante vite in una vita”, tre incontri per scoprire le proprie potenzialità

May 29 2020
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Un ciclo di incontri per permettere ai giovani di confrontarsi con uomini e donne capaci di realizzare grandi progetti. L’iniziativa, dal titolo “Tante vite in una vita”, è promossa dall’Urban Creativity Lab di Arezzo e prenderà il via da venerdì 5 giugno, sviluppandosi attraverso tre appuntamenti a partecipazione gratuita in videoconferenza su Zoom che ambiscono a fornire occasioni di dialogo con personalità in grado di ispirare le giovani generazioni e di stimolarle ad inseguire i loro sogni. Il primo incontro avrà come protagonista Teresa Lenzoni (direttore commerciale de L’Oreal), mentre mercoledì 10 giugno la parola passerà ad Alba Pezone (fondatrice della prima e unica scuola a Parigi dedicata alla cucina italiana) e lunedì 15 giugno all’imprenditore milanese Emanuele Scotti che illustrerà le potenzialità del web.

Un ciclo di incontri per permettere ai giovani di confrontarsi con uomini e donne capaci di realizzare grandi progetti. L’iniziativa, dal titolo “Tante vite in una vita”, si inserisce all’interno della rassegna #InspiringPeople promossa dall’Urban Creativity Lab di Arezzo e prenderà il via da venerdì 5 giugno, sviluppandosi attraverso tre appuntamenti a partecipazione gratuita in videoconferenza su Zoom che ambiscono a fornire occasioni di dialogo con personalità in grado di ispirare le giovani generazioni e di stimolarle ad inseguire i loro sogni. I tre relatori individuati, infatti, racconteranno la loro vita cadenzata tra ripensamenti, svolte impreviste, progetti improbabili e passioni che sono diventate professioni, tenendo un confronto aperto e vivace in cui risponderanno anche a domande e curiosità dei giovani connessi.

Il primo incontro sarà alle 18.30 del 5 giugno e avrà come protagonista Teresa Lenzoni, direttore commerciale de L’Oreal, che parlerà di “Numeri, dati e toscanità” e che permetterà di scoprire una carriera di esperienze, creatività e coraggio con cui è riuscita ad arrivare ai vertici di una multinazionale in virtù della capacità di saper leggere e interpretare i numeri. Mercoledì 10 giugno, invece, la parola passerà ad una delle donne italiane più influenti in Francia: Alba Pezone. A lungo impegnata nei settori di consulenza e comunicazione di impresa, nel 2004 la sua vita è cambiata grazie all’intuizione di fondare la prima e unica scuola a Parigi dedicata alla cucina italiana, l’atelier “Parole in Cucina”, che è diventata un vero e proprio spazio conviviale per la formazione e i seminari dedicati alla cultura gastronomica tricolore. Questo ciclo terminerà infine lunedì 15 giugno con l’incontro “Umanità aumentata: questione di connessioni” a cura dell’imprenditore milanese Emanuele Scotti che, da studioso universitario di semiotica, è riuscito a sfruttare le potenzialità del web per dare il via ad un’agenzia che si occupa di creare il design di spazi virtuali e di guidare le aziende nella loro trasformazione digitale interna. I tre appuntamenti di “Tante vite in una vita” sono gratuiti ma con posti limitati, dunque è necessaria la prenotazione con un messaggio sulla pagina facebook o sul profilo instagram dell’Urban Creativity Lab. «Questa rassegna digitale - commenta Marco Montanari, coordinatore delle attività dell’Urban Creativity Lab, - permetterà ai giovani e agli adolescenti di confrontarsi con relatori che, con creatività e coraggio, sono riusciti a cambiare la loro vita e a sviluppare in modo innovativo le loro capacità. “Tante vite in una vita” nasce dalla volontà di continuare a mantenere i legami con i ragazzi dell’Urban Creativity Lab anche in questo periodo e di sfruttare gli strumenti della tecnologia per incontrare personalità, seppur in forma digitale, che possano essere da ispirazione per progettare il percorso della loro vita».

Licenza di distribuzione:
Marco Cavini
Responsabile pubblicazioni - Uffici Stampa Egv di Cavini Marco
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere